Zeman attacca: «Peccato vincere con i mezzucci»

L’unico in Italia a prendere le difese di Zidane è lui, Zdenek Zeman. Del resto è abituato a remare controcorrente. Prima stilettata: «Zidane non impazzisce da solo, evidentemente è stato provocato. Un’abitudine purtroppo diffusa nel calcio italiano». Il secondo affondo arriva a stretto giro di posta: «Mi dispiace che si arrivi alla vittoria con questi mezzucci. Non riusciamo mai a essere educati fino in fondo», spiega il tecnico boemo, uscendo dalla sede della Federcalcio dopo essere stato sentito dal capo dell’ufficio indagini Borrelli. Zeman non smette mai di stupire. Anche quando riserva parole dolci per il «nemico» Marcello Lippi, riuscito nella «cosa più grande che possa capitare a un allenatore», vincere il mondiale. Elogi anche per gli azzurri, vincitori «grazie allo spirito di sacrificio, magari anche per far dimenticare tante cose».