Zhao, il dottore che cura corpo e spirito

«Non ricorro ai farmaci, che intossicano l’organismo e predispongono a nuove malattie»

«Da quando l’ho incontrato la mia cervicale è sparita: un miracolo!». «Il mio mal di schiena? È solo un ricordo». «Non riuscivo ad alzare il braccio, adesso gioco a palla con mio figlio». «Ero stressata, ma è bastato un massaggio per sentirmi piena di energie». Sono alcune delle testimonianze raccolte dal tabaccaio di via Lecco, punto di riferimento da ben 38 anni degli habitué di un quartiere multietnico e allegro, «un’isola felice, dove andiamo tutti d’accordo», parola del titolare, il signor Gino, e del figlio Sergio. Anche loro sono degli estimatori del dottor Zhao, il medico cinese che aggiusta schiene, cura sciatalgie, lombalgie e altre amenità che affliggono il genere umano. Da quando ha aperto il suo studio due mesi fa, a pochi metri dal tabaccaio, il suo nome è sulla bocca di tutti e sono sempre più numerosi coloro che decidono di affidarsi alle sue mani.
Nato a Shanghai nel 1964, si è laureato in Medicina ortopedica, specializzandosi in massaggio e agopuntura alla Bejing University di Medicina e Farmacologia. Dopo anni di pratica, ha approfondito gli studi sul massaggio riabilitativo e terapeutico (ma anche estetico e linfodrenante), in particolare il «Tuina» e la riflessologia plantare. Il suo «Centro Massaggi Orientale», uno spazio piccolo, lindo e ben attrezzato, è una sorta di tempio del benessere per anima, corpo e mente. (Via Lecco, 4 . Tel. 02 20520165. Cell. 339 1596414). Sorridente e pacato, ci accoglie con un piccolo inchino e ci illustra una serie di tecniche di massaggio rilassanti e vigorose (tipo frizioni, pressioni, spinte, trazioni e rotazioni) che effettua con mani, dita, gomiti e in taluni casi con i piedi. Con sottofondo di musica classica o cinese. Soft.
Allora il «Tuina» funziona...
«Fa parte delle antiche arti della medicina tradizionale cinese che risale a più di 4mila anni fa. Viene praticato in tutti gli ospedali in Cina e cura disturbi che da voi richiedono l’intervento di osteopati, chiropratici e fisioterapisti. Evita di ricorrere ai farmaci che spesso curano gli effetti ma non le cause e intossicano l’organismo predisponendolo a nuove malattie».
Come agisce sull’organismo?
«Non agisce soltanto sulle articolazioni e sui muscoli, ma anche a livelli più profondi, influenzando il flusso di energia vitale del corpo e il benessere emotivo e spirituale oltre che fisico. Ha un’azione diretta di riequilibrio psichico, di regolazione del sistema yin-yang e sulla circolazione venosa e linfatica. Inoltre accresce la vitalità e stimola il sistema immunitario».
Non è pericoloso «muovere» le energie?
«No. L’importante è affidarsi a mani esperte».
È vero che dopo un massaggio si possono avvertire dolori alle articolazioni?
«Non capita a tutti, ma se capita è normale. Poi si sta molto meglio».
Perché ha lasciato la Cina?
«Alcuni amici che vivevano a Milano mi dissero che il Tuina era praticamente sconosciuto in città, così, nove anni fa, decisi di venire qui per far conoscere questa medicina antica e avere un’opportunità di guadagno. Ho lavorato in diversi centri sportivi e poi ho deciso di fare il grande salto e mettermi in proprio. Ho mantenuto comunque una collaborazione con la Clinica Olistica Lifegate».
Si trova bene a Milano?
«Molto. Adesso spero soltanto che questo progetto cresca».