Impegnate ma spettinate

Vabbè che uscivano da sette ore di camera di consiglio, ma le tre magistrate che hanno letto la sentenza del processo Ruby esibivano ognuna un'acconciatura improponibile

Vabbè che uscivano da sette ore di camera di consiglio, ma sapendo che avrebbero trovato ad aspettarle le telecamere di tutto il mondo, una pettinata se la potevano anche dare. Le tre magistrate che hanno letto la sentenza del processo Ruby esibivano ognuna un'acconciatura improponibile. Due di loro avevano i capelli scarmigliati e arruffati alla moda del '68, senza l'ombra di un colore o di una piega ed anche l'altra dava l'impressione di non aver visto un parrucchiere da anni. D'accordo l'aula di tribunale e il gravoso impegno lavorativo, ma quel look era quasi una divisa politica come usava negli anni della contestazione, per distinguersi dalle bambole cotonate dell'odiata borghesia. Almeno la Boccassini, pur nell'immagine inelegante, mostra un tocco di civetteria nella tintura che la qualifica come «Ilda la rossa». Anche le deputate ex comuniste di lungo corso non badano all'aspetto esteriore, testa compresa, come non avrebbe mai fatto Nilde Iotti, e si presentano a Montecitorio così come capita, con i capelli lavati in casa e asciugati naturali, sempre spettinati, mentre le giovani deputate Pd sono più attente alla cura del corpo, del viso e delle pettinature, al punto da far concorrenza alle colleghe del Pdl, che sembrano sempre uscite da una sfilata di moda. In questi mesi alla Camera imperversa il taglio chic a caschetto che alcune parlamentari bipartisan hanno copiato a Mara Carfagna, senza però averne lo charme, oppure i capelli lunghi acconciati in vario modo fino alla romantica treccia ottocentesca di Marianna Madia, motivo principale per cui viene citata. Un mondo a parte sono le neo-deputate grilline, inclassificabili nel loro look provinciale, e le cui capigliature hanno la firma di parrucchieri di quartiere ancora lontani dalle mode più recenti, come quello della senatrice Ilaria Borletti Buitoni, che sfoggia con orgoglio una piega choc, antica e asciugata con i rolli sotto il casco, cotonata con i boccoli incollati di lacca. Per le donne i capelli sono uno strumento di seduzione, incorniciano il viso ed in tv calamìtano l'attenzione del pubblico maschile come ben sanno le giornaliste televisive sempre ben pettinate e curate, ad eccezione di Lucia Annunziata che sembra che i capelli se li tagli da sola e che gli uomini non le interessino più.

Commenti

blues188

Ven, 28/06/2013 - 08:58

Non c'è da scandalizzarsi. Il look è voluto perché appartiene alla divisa di chi è innamorato del disfacimento sociale e personale, di chi non vuole regole e non le ha mai accettate. Di chi tende allo sfasccio sociale e ci comunica tutto questo presentandosi con quei tipi di look, disordinati e poco curati. Una sorta di coerenza in peggio, insomma.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 28/06/2013 - 09:23

Saranno anche state spettinate , non c'è dubbio , però hanno "pettinato" silvio per le feste.

wizardofoz

Ven, 28/06/2013 - 09:36

Mi sono più volte chiesto come i rappresentanti dello Stato si possano presentare in aula in jeans, maglietta e, nel caso in questione, scarmigliati. Dalla parte opposta tutti conformi all'etichetta. Ebbene, una risposta ce l'ho: tale è la presunzione di giudici e affini, tale è la loro tracotanza e senso di superiorità di stampo sinistrorso, che lo devono sempre dimostrare in forma anti-borghese. Quei capelli arruffati, quei jeans e polo colorate che fanno capolino da sotto una toga sono un ulteriore sberleffo alla formalità. Non voglio addentrarmi nei curricula di costoro; comunque, Di Pietro docet. E' stato l'antesignano, anche se, lui, inizialmente si presentava ancora abbigliato decentemente, retaggio del vestito della domenica di origine contadina. Oggi, quelle ridicole capigliature, esibite a disprezzo della parte avversa, contengono tutta l'ideologia malata di una casta fiancheggiatrice della parte politica più retriva che osa pure definirsi "progressista".

rinaldo

Ven, 28/06/2013 - 10:03

Complimenti. ho subito notato anch'io quelle teste arruffate e fuori moda. Ma in casa hanno lo specchio? Consiglio; usatelo

giovauriem

Ven, 28/06/2013 - 10:13

i militanti e le militante di sinistra non badano a queste sciocchezze,loro sono belle dentro,forse

Ritratto di indi

indi

Ven, 28/06/2013 - 10:38

Segno distintivo dei sinistri personaggi(si fa per dire) della sinistra, sono orecchini e acconciature improponibili. Loro sono alternativi, si anche al buon senso!

cgf

Ven, 28/06/2013 - 10:41

infatti è una sentenza MOOOOOOOLTO tirata per i capelli!!

strollani

Ven, 28/06/2013 - 10:43

Questo è un articolo politico, o di costume? In ogni caso sarebbe bello capire qual è il senso. Perché non si capisce cosa dovrebbe far capire al lettore tutto questo subdolo insinuare. O meglio, immagino che il lettore tipo di questo giornale comprenda tutti i sottintesi, che ci sono, è ovvio che ci sono (anche perché se non ci fossero l'articolo sarebbe solo uno spreco di tempo, denaro e byte, e i veri imprenditori non sprecano tempo, denaro e byte). Mi piacerebbe che qualcuno spiegasse a me, anima candida, qual è il senso di tutto ciò, e per quale motivo queste cose non sono relegato dentro una rubrica tipo "gossip", "facciamoci due risate", oppure "letture da sciampista". Ringrazio sin d'ora coloro che mi vorranno chiarire il senso di tutto ciò. Rispettosamente saluto.

vince50

Ven, 28/06/2013 - 11:04

7 ore di camera di "consiglio e pure spettinate" per una sentenza già ampiamente scritta da tempo,mi fermo quì.

peroperi

Ven, 28/06/2013 - 11:42

madonna che brutte, per forza ce l'hanno con le donne di Berlusconi!

Ritratto di indi

indi

Ven, 28/06/2013 - 12:09

@strollani: Scommettiamo che sono iscritte a Magistratura Democratica? Le loro capigliature lo segnalano. Non è necessario avere un distintivo all'occhiello per dichiarare la propria appartenenza politica, alle volte si usa vestiario (vedi Vauro vignettista di santoro, con pantaloni e camicia da cantiere edile comunista) altre volte capigliature da 68ttine. Tutto ciò è in relazione con la sentenza politica emessa da queste tre scapigliate. Ergo, nulla a che vedere con gossip o altra rubrica, se non questa. Chiaro ora?

millycarlino

Ven, 28/06/2013 - 12:10

Direi meglio: "Spettinate poiché impegnate" Milly Carlino

piero1939

Ven, 28/06/2013 - 12:17

ma dai sono stile Marcegaglia

Ric60

Ven, 28/06/2013 - 12:47

mi spiace ma non sono d'accordo...come giustamente segnalava l'egregio Veneziani in un articolo pubblicato su questa testata viviamo in un 'epoca priva ormai di morale e valori condivisi. questo non significa che non esistano piu' valori ma che sia necessaria la coesistenza tra individui che ne hanno diversi e devono vivere assieme Se questo vale per i valori figuriamoci per mode e vestiti...io stesso nel mio ambito professionale adottando il mio stile cravatta/giacca sempre piu' mi trovo a partecipare a riunioni accanto a persone vestite casual , jeans ecc...questa tendenza è ancora piu' spinta in ambito internazionale e sempre piu' le aziende (soprattutto quelle grandi..banche comprese) si stanno adeguando....il mondo cambia...bisognerà farsene una ragione

strollani

Ven, 28/06/2013 - 13:01

Sono sicuro che ai lettori di questo giornale la sapienza popolare antica, quella espressa con i proverbi, piace tanto. Ce ne sono due che fanno proprio al caso nostro. Il primo è "l'abito non fa il monaco, e si spiega da sé. Il secondo, riferito proprio a voi lettori, è "a lavare la testa all'asino si perde tempo acqua e sapone". Buongiorno.

davidebravo

Ven, 28/06/2013 - 13:13

Prendendolo per quello che è, un articolo di gossip un po' forzato, è pure una lettura piacevole. Invece mi stupisce che molti lettori, imbeccati da una non notizia, riescano a costruire teoremi, status sociali, divise, antagonismi e chi più ne ha più ne metta. Sono magistrati, quindi persone un po' particolari... Un po' tristi. E' normale che non si curino come la Carfagna, che nella vita si è posta altri obiettivi.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Ven, 28/06/2013 - 13:32

Considerato che non andavano ad un bunga bunga non hanno dato troppa importanza al look ma alle parole della sentenza che avrebbero pronunciato

Mario-64

Ven, 28/06/2013 - 13:56

Considerando che c'erano le televisioni di tutto il mondo una sistemata potevano darsela.

strollani

Ven, 28/06/2013 - 14:05

Ecco, il dignor Davide Bravo ha dato una lettura corretta. Spero sinceramente che sia un elettore di destra, perché quello di cui questo paese ha più bisogno oggi è una destra matura, consapevole e seria, non l'attuale accolita di minus habens con la bava alla bocca scodinzolanti come cagnolini ad ogni volere del capo e dei suoi sgherri.

epesce098

Ven, 28/06/2013 - 14:14

leopardi50 - Se si fossero presentate così (MA ANCHE ACCONCIATE BENE)ad un bunga bunga avrebbero avuto l' ACCESSO VIETATO E RIMANDATE SUBITO A CASA.

davidebravo

Ven, 28/06/2013 - 14:24

@strollani: Lei non immagina quanto desideri la destra che ha descritto. Credo dovremmo aspettare ancora un ricambio generazionale perché questa si presenti, e temo che prima di questa ne verrà un'altra che ci riporterà indietro a tempi ancora più bui, se possibile, di questi.

wizardofoz

Ven, 28/06/2013 - 18:24

Caro Strollani, forse non è al corrente che l'asino è un animale molto più nobile di quanto non lo si sia descritto, anche nei proverbi. Io mi sono permesso di dire che un certo agghindarsi e imparruccarsi è un segno distintivo di sinistra. Volutamente di sinistra. Non è d'accordo? Vede in questo mio commento un che di destra retriva? Non è forse così? E questo chiedo anche al suo pen friend davidebravo. Ma non vede che la sua frase ""accolita di minus habens con la bava alla bocca scodinzolanti come cagnolini ad ogni volere del capo e dei suoi sgherri" sembra tratta pari pari dagli anni di piombo (dei quali lei avrà grande nostalgia e durante i quali non ha imparato nemmeno un po' di latino, laddove avrebbe dovuto scrivere minus habentes. Ma si sa, il Latino è borghese!)

franco@Trier -DE

Ven, 28/06/2013 - 19:39

adesso stiamo a guardare come si pettinano invece di fare giustizia con Berlusconi.Marino vero lo hanno pettinato per bene.Peroperi brutte però oneste.Piero 1939 sono dello stile...chi sbaglia paga..

davidebravo

Sab, 29/06/2013 - 12:07

@wizardofoz: Nel suo commento ha sintetizzato il mantra del suo leader: Chi non la pensa come me è un comunista! E mi chiede pure se vedo un non so che di destra retriva... Si rende conto che è un po' riduttivo questo modo di ragionare? Potrei risponderle: Comunista sarà lei, che si fa intortare da un personaggio che negli ultimi vent'anni ha tenuto per le palle questo paese, già privo di una sx almeno normale, e per colpa sua privo di una dx che si possa definire ideologicamente tale. Sarei altrettanto credibile. Sono un po' stufo dei Berlusconiani che si autopromuovono a paladini della dx, e tutti gli altri sono mangiabambini.

franco@Trier -DE

Sab, 29/06/2013 - 14:01

QUE DETTO CHE I COMUNISTI SONO MANGIA BAMBINI IN UN CERTO SENSO è VERO, FORSE MOLTI DI VOI NON SANNO CHE CI SONO DOCUMENTI CHE DIMOSTRANO CON NOMI CHEIN TEMPO DI GUERRA VIGEVA IL CANNIBALISMO IN RUSSIA PERSONE MORTE CHE VENIVANO DIVORATE MANGIATE DA PERSONE AFFAMATE E MOLTI BAMBINI,CERTO è DIFFICILE CREDERE QUESTO PERò CI SONO DEI DOCUMENTI CHE MI DANNO RAGIONE, DOPO QUESTI FATTI QUESTI DETTI SONO RIMASTI.

wizardofoz

Sab, 29/06/2013 - 15:58

A davidebravo: ho scritto due commenti che lei ha letto con gli occhi inettati del sangue della sua ideologia. Io sono una persona libera, perciò probabilmente vedo quello che lei non vuole vedere. Lei usa termini come destra, sinistra, suo leader, intortare, berlusconiani (che si scrive minuscolo, è un aggettivo). Non riesce nemmeno a rimanere sull'argomento dell'articolo che parla dell'aspetto di tre giudici che si presentano secondo i dettami degli intellettuali di sinistra, come quelli noti che vediamo occupare ogni angolo dell'informazione (altro che Berlusconi). Se la sinistra italiana è così becera da farsi tenere per le palle da un personaggio come il Cavaliere e la destra altrettanto incapace di evolvere verso una destra ideologicamente accettabile, che ne posso io? Io vedo solo che in circolo c'è gente che si proclama di sinistra, agisce proditoriamente contro altri che si proclamano di destra, utilizzando il potere della magistratura che delle proprie azioni non risponde a nessuno. In più, si vestono e si agghindano per non lasciare dubbi sulla loro ideologia. La magistratura italiana dà giornalmente prova della sua inefficienza da un lato e partigianeria politica dall'altra. E, infine, giustizia e verità non sono la stessa cosa. Se ne faccia una ragione.

franco@Trier -DE

Sab, 29/06/2013 - 16:17

capigliature che il cavaliere se le sogna di notte.

alberto coglitore

Sab, 29/06/2013 - 17:28

Questi giudici di sinistra perchè non prendono esempio da quelle del pdl..che sono sempre tutte curate e in ordine???? Forse perchè quelle del pdl non fanno un cazzo dalla mattina alla sera, e prendono palate di soldi per rovinare questo paese e salvare gli interessi di berluskaiser...annate a zappà!!!!!!!!!!

franco@Trier -DE

Sab, 29/06/2013 - 18:15

epesce ma sei proprio un tonno tu.

davidebravo

Dom, 30/06/2013 - 12:43

@wizardofoz: Lei mi ha fatto una domanda ed io le ho risposto. Non mi scriva poi che vado fuori argomento. Cercavo di farle capire che non si deve essere per forza comunisti per emettere un giudizio di colpevolezza, e che vedere un comunista in ogni persona a cui non piace B. è sbagliato e riduttivo. Se in queste parole vede una persona con gli occhi iniettati di sangue. A proposito, le devo qualcosa per la lezione di italiano? ;)

davidebravo

Dom, 30/06/2013 - 13:08

La penultima frase è incompleta, quando preparo la carbonara spesso perdo la concentrazione. Scrivevo: se in queste parole vede una persona con gli occhi iniettati di sangue interpretiamo evidentemente i post in modo differente.

wizardofoz

Dom, 30/06/2013 - 20:38

A davidebravo: guardi, mi scuso se ho esagerato con "gli occhi iniettati di sangue", ma non ho dubbio alcuno sulla sentenza "Ruby". E' politica al 100%, senza per questo essere io succubo di Berlusconi.