Tutti gli uomini del Monte: ecco la mappa del potere

Quel filo rosso che porta a Siena. Dall’ex premier Amato a Bassanini, politici e tecnici all’ombra di Rocca Salimbeni

Per completezza di informazione si precisa che, con riferimento alla posizione del Dott. Marco Morelli all'interno della vicenda giudiziaria cui fa riferimento l'articolo, in data 13 dicembre 2013 il competente Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta del Pubblico Ministero, ha disposto l'archiviazione delle indagini a carico del medesimo.

Protagonisti scomodi e imbarazzati, diretti e indiretti, dell'affaire Mps-Antonveneta. Ecco un Bignami sui politici Pd e i «tecnici» di casa nostra.

UN BENE AMATO

L'ex premier Giuliano Amato, Pd, con Siena (dove viene eletto nel '92) ed Mps c'entra da sempre, e non solo per la nota foto in piazza del Campo che lo ritrae insieme a Giuseppe Mussari e all'ex sindaco Pd Franco Ceccuzzi (che aiuterà alle Comunali del 2011 con altri big del Pd). Da premier, caldeggia la scalata di Mussari alla Fondazione Mps, una sponsorizzazione di peso visto che la legge istitutiva della fondazioni bancarie porta il nome proprio di Amato (legge Amato-Ciampi del '99). A inizio 2012 era a un passo dalla presidenza di Mps. Quando rinunciò iniziavano a filtrare i primi spifferi dell'inchiesta. Dal 2010 è senior advisor per Deutsche Bank Italia.

BASSANINI, SIGNORA E BROKER

Franco Bassanini, Pd, eletto nel collegio senese ininterrottamente dal '96 al 2006 e pure lui a un passo dalla presidenza Mps, lo danno per molto vicino a Mussari. È l'uomo di punta che si contrappone alla scalata Unipol-Mps per la conquista di Bnl ai tempi dei furbetti del quartierino: «Chi difese l'autonomia di Mps, come me e Amato, venne emarginato» dice sornione. Contro Bassanini - presidente del potente centro studi Astrid - hanno paventato interessi oscuri, link con la finanza francese, presenze armoniose in logge massoniche. Fra i più critici, su vari fronti, Vincenzo Visco, Ugo Sposetti («Come fa a occupare quel posto? Che ne sa uno come lui di depositi e prestiti?» ha infierito il tesoriere) e Paolo Cirino Pomicino. L'interessato ha precisato, smentito, annunciato querele. A Bassanini, e alla moglie Linda Lanzillotta (ministro con Romano Prodi 2006-2008, ex assessore di Francesco Rutelli, ex capo di gabinetto di Amato al Tesoro) per vie molto traverse, seguendo il blog Linkiesta, si arriva a incrociare il vicedirettore generale di Mps, Marco Morelli, «che arriva al Monte attraverso la casella Mps Finance nel settembre 2003 sponsorizzato da Bassanini e da sua moglie Linda Lanzillotta (...)» che «tra il 2001 e il 2006, sarà advisor della banca d'affari americana». Morelli (oggi Merrill Lynch Italia) finirà indagato per aver omesso a Bankitalia e Consob dettagli cruciali sul finanziamento da 1 miliardo a Jp Morgan necessario a Mps per l'acquisto di Antonveneta.

BERLINGUER, IL FIGLIO E GLI AMICI PD

Luigi Berlinguer, cugino di Enrico, è uno dei potentissimi del Pd a Siena. Già rettore dell'Università di Siena legata a Mps da cui, nel tempo, ha ricevuto enormi finanziamenti (inutili, visto che l'ateneo ha un buco di 250 milioni), dopo l'esperienza di ministro all'Istruzione vedrà il figlio Aldo ottenere un contratto (anche Linda Giuva, moglie di Massimo D'Alema, vincerà una cattedra di archivista a Siena). Polemiche, interrogazioni, accuse. Nel 2007 Berlinguer jr è «costretto» a lasciare il Cda oggetto delle investigazioni sull'aeroporto di Ampugnano (dov'è indagato Mussari) e più recentemente anche il cda di Banca Antonveneta. E che dire del resto del Pd, a cominciare da Rosy Bindi, originaria della vicina Sinalunga. Lei giura: «Sono personalmente da esempio di come politica e sistema bancario debbano essere nettamente separati. Non ho mai avuto voce nelle scelte della banca». In effetti i capi della corrente cattolica Pd e il presidente della Fondazione Mps, Gabriello Mancini, non la possono vedere. Si dice però che ci sia il suo zampino nella scelta di Alessandro Profumo che per due volte ha fatto la fila alle primarie del centrosinistra (nel 2007 la moglie Sabina Ratti si candidò con la Bindi per entrare nell'assemblea nazionale Pd). Ospite di Rosy a una festa Pd a Chianciano, Profumo rispose «sì», alla richiesta di mettere a disposizione la sua «competenza» per la politica. O per una banca vicina alla politica vicina alla Bindi. Ovviamente, però, il vero «dominus» è Massimo D'Alema sin dai tempi dell'acquisizione della banca «121» (con il fido Vincenzo De Bustis) che nello scandalo è riuscito a dire «il Pd non governa nessuna banca» e poi il contrario, «Profumo l'abbiamo messo lì apposta». E che dire di Walter Veltroni, grandissimo amico di Peppino Mussari («con Walter stiamo al telefono ore a parlare di basket», gongolava l'ex presidente Mps un mese dopo l'acquisizione di Antonveneta)?

I MONTI'S, TARANTOLA E DRAGHI

Mps, il 20 dicembre 2007, scrive: «La banca ha nominato Citigroup, Goldman Sachs e Merrill Lynch quali joint global coordinator dell'operazione di finanziamento dell'acquisizione di Antonveneta». In quell'anno Goldman Sachs ha come international advisor un certo Mario Monti, il cui figlio 32enne Giovanni Monti è vicepresidente proprio di Citigroup dal 2004 al 2008, prima di passare in un'altra banca d'affari, la Morgan Stanley. Scavando troviamo la montiana Anna Maria Tarantola, oggi presidente Rai, indagata a Trani per roba di derivati Mps, allora in quella «Vigilanza» di Bankitalia che dagli atti ispettivi del maggio-agosto 2010 evidenziò come il rischio, nella banca senese, fosse già ben visibile. Perché non intervenne? La posizione dell'ex governatore Mario Draghi si fa complicata in quanto è evidente che la «sua» Bankitalia - come dimostra la voragine dei conti senesi - non intervenne velocemente su Mussari e sui derivati. Complicata e imbarazzante dopo la rivelazione del Wall Street Journal riguardo al prestito segreto da 2 miliardi versato nel 2011 da Bankitalia a Mps che garantiva il non garantibile, posto che il Monte aveva intrapreso la strada del precipizio a valle dell'inferno.

Commenti

cast49

Sab, 09/02/2013 - 08:26

E BERSANI VUOLE FARE LA LEGGE SUL CONFLITTO DI INTERESSI DI BERLUSCONI? INTANTO LA LEGGE C'E' GIA' E L'HA FATTA PROPRIO BERLUSCONI, MA I COMUNISTI NON HANNO MAI PROVATO CHE BERLUSCONI AVESSE UN CONFLITTO...BERSANI SI STA ROVINANDO CON LE SUE MANI, I CONFLITTI SONO ROBA LORO, PADRONI DELLE BANCHE E DI TUTTE LE ISTITUZIONI, E' VERAMENTE STUPIDO PER NON DIRE ALTRO, E' UN TAFAZZI, VABBE', LE PALLE SONO SUE E SE LE PUO' ROMPERE COME VUOLE, MA NE ANDRANNO DI MEZZO TUTTI I SUOI COMPAGNUZZI.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 09/02/2013 - 09:58

"Monte dei Paschi di Bettola", questa è il nuovo nome della sfigatissima banca finita sotto le grinfie del PD.

linoalo1

Sab, 09/02/2013 - 10:05

E' forse vietato fare i nomi degli uomini PD coinvolti nel caso Mps?Fosse coinvolto Berlusconi,apriti cielo!!Tutti a condannarlo!!E poi hanno il coraggio di dire che Berlusconi è contro la Giustizia!!E chi non lo sarebbe se ,la Giustizia,si comporta così parzialmente??Ed hanno anche il coraggio di affermare che la Giustizia è uguale per tutti!Lino.

DANZA

Sab, 09/02/2013 - 10:09

Gli ottimi Bracalini e Ciocci, in questa commedia ,che si sgonfierà dopo le elezioni, hanno dimenticato d'inserire: Pisaneschi , amico e sodale di Verdini, che ricoprì l'incarico di presidente Antonveneta appena acquisita , lo stesso Verdini , indagato per lo scandalo del Credito Cooperativo Fiorentino e beneficiario di un finanziamento dal MPS di 150 milioni di euro e per ultimo il senatore PDL Amato passato successivamente al gruppo misto per dissidi sui finanziamenti da MPS. Quando si parla di OBIETTIVITA' = zero

MMARTILA

Sab, 09/02/2013 - 10:17

Sti Berlinguer stanno dappertutto..una casta komunista di cui stento a credere che occupi i posti per meritocrazia. Anzi...

topogigio100

Sab, 09/02/2013 - 10:27

AVETE VISRO IL CORRIERE DELLA SERA? ARTICOLO DELLA SARZANINI I GIUDICI SEGUONO A PISTA VERDINI DAVVERO SONO RIDICOLI VUOI VEDERE CHE ALLA FINE E' COLPA DII BERLUSCONI ? HAHAHAH SPERO CHE IL CORRIERE SCRIVA ANCHE CHE LA NUOVA BUFERA CHE STA COLPENDO GLI USA E' COLPA DI BERLUSCONI HAHAHAHAH DAVVERO PATETICI E QUESTI SIGNORI SI CHIAMANO GIORNALISTI ? IO LI CHIAMEREI GIORNALAI

Gioortu

Sab, 09/02/2013 - 10:43

il vero conflitto di interessi sono gli scambi di ruoli dalle Coop al PD, dal PD al MPS,da PD a Unipol ecc.Questa è la vera vergogna di cui Gargamella non parla.

hectorre

Sab, 09/02/2013 - 11:07

sono intoccabili...quel che non capisco è l'ingenuità di chi li vota....banche,finanza,università,cattedre,figli,mogli,parenti.....lusi,penati,mps.....come nulla fosse,un partito che ha le mani in pasta ovunque ed i suoi elettori sembrano non vedere quel che accade....intenti a seguire il processo ruby.

Opuslupis 2

Sab, 09/02/2013 - 11:14

Notoriamente Verdini andava a Siena semplicemente per occuparsi del palio......

andreaugucc

Sab, 09/02/2013 - 11:27

Che palle cn sto Pisaneschi d'accordo faceva parte della fondazione MPS ma era un consigliere d'opposizione e non si sa quanta voce in capitolo possa aver avuto in questa situazione e nn si sa neppure se sia stato indagato!!!!

andreaugucc

Sab, 09/02/2013 - 11:35

@DANZA Verdini prima di essere un deputato del PDL faceva l'imprenditore edile quindi è piuttosto normale che per finanziarsi possa aver chiesto aiuto ad MPS! !! Ma questo che c'entra cn l'indagine perché tra un po uscirà fuori che sono indagati anche tt i correntisti MPS se continui a ragionare in questo modo!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 09/02/2013 - 12:00

Ieri il clown di bettola diceva che se vince non basta governare ma vuole cambiare proprio sistema. Il sistema e' che estendera' dappertutto quello senese di mps.

pbellofi

Sab, 09/02/2013 - 12:14

Purtroppo credo che siano tutte illusioni. Su LA NAZIONE di stamani si fanno già i nomi di Verdini e i legami del MPS con il PDL. Credo che andrà a finire come la storia di "...abbiamo una banca...."

Massimo Bocci

Sab, 09/02/2013 - 12:14

Come dire....... il CULO (degli Italiani),... e la CAMICIA ed il GREMBIULINO (ROSSI dei LADRI MASSONI comunisti), binomio INSCINDIBILE da 65anni di REGIME!!!!

lucioc

Sab, 09/02/2013 - 12:21

Tra i nomi indicati nell'articolo manca, stranamente, Verdini.

altair1956

Sab, 09/02/2013 - 12:28

Maledetti ladri. Sono sempre sati ladri, sin da quando si appropriarono delle case del fascio, facendole diventare case del popolo; e si sono fregati pure l'oro di Dongo.

Pelican 49

Sab, 09/02/2013 - 12:34

Ma se si fosse trattato di una banca coinvolta con il centrodestra, quanti sarebbero i managers in galera? Me lo chiedo da giorni, dopo che Mussari ha "ritenuto" di non parlare, bontà sua! A leggere del loro sistema integrato di "connivenze e di familismo" non si può non ricordare il classico sistema mafioso, dalla sinistra tanto combattuto .... per concorrenza? Boh....

guidode.zolt

Sab, 09/02/2013 - 12:45

Con queste notizie tiriamo una riga su MPS e fin qui ci siamo...vero compagni...?

guidode.zolt

Sab, 09/02/2013 - 12:50

In tutta la mattina questo articolo è stato visitato da un solo detrattore, che è venuto a "danzare" sui vetri dell'MPS come un povero geko rosso, e tutti gli altri l'hanno abilmente schivato...

silvano45

Sab, 09/02/2013 - 13:13

chissa se quando voteranno il conflitto di ineressi si ricorderanno di aver contiguo o allineato o a disposisione mps le coop unipol etc ?e non indaga seriamente nessuno chissa come mai? essere maligni viene il sospetto su questa magistratura...........

Duka

Sab, 09/02/2013 - 13:18

Bersanov: "ma noi non c'entriamo", "mai conosciuto nessun banchiereeee" ci manca solo che dica: non so dove si trovi questa città. Ma Bersanov perchè tante bugie infantili? E' il partito che le impone? pare di si, a ben vedere fate a gare a chi ne spaccia di più. Avete esodato, per finta, un pezzo di nomenklatura senza dire che la buona uscita la paghiamo tutti noi. E' questa l'ITALIA GIUSTA ? Ma vaffa 2 volte-

silvano45

Sab, 09/02/2013 - 13:20

grandissima e autorevolissima e imparziale magistratura di siena aspettiamo ancora indagini sull'università ,ora su mps,perchè questo modo di operare cosi diverso dalla procura di milano che indaga intercetta berlusconi anche per una multa di divieto di sosta? chiedo al soviet del csm a chi giova ??????????? chi verra promosso o premiato? chi sarà il prossimo magistrato che entrerà in politica? se uno dovesse pensare male sarebbe facile rispondere a queste domande

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 09/02/2013 - 13:30

DANZA egregio ,nel consiglio di amministrazione MPS ci sono 13 consiglieri su 16 attribuibili al PD PCI DS.Veda un po lei dove vuole pescare!!!!!!

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Sab, 09/02/2013 - 13:51

Se in questa Italia vi fosse giustizia...dovrebbero essere arrestati TUTTI con la confisca dei loro beni,furto della rapina continuata in danno dei cittadini onesti!Il sistema li protegge e li tutela con la magistratura amica,ma il popolo ...saprà farsi giustizia!!

sbaffone

Sab, 09/02/2013 - 14:12

SCUSATE MA X COMPLETEZZA D'INFORMAZIONE NON DOVRESTE PARLARE DEI RAPPORTI CON MPS ANCHE DI verdini,fusi,pisaneschi.ED INOLTRE ANCHE DEL RUOLO DI CALTAGIRONE(SUOCERO DI....)?AVETE PAURA CHE LA GENTE SCOPRA CHE SE SI TRATTA D'AFFARI LE IDEOLOGIE SONO UN DETTAGLIO TRASCURABILE?????tutto inutile il popolo lo sa e xqueto che l'm5s il 24-25 farà il botto

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 09/02/2013 - 14:30

Boia di questi " rossi " che dalla fine della guerra ad oggi con una ragnatela intricatissima hanno preso il potere nei gangli vitali del Paese, trincerati dietro parvenze di bonomia e familiarità mettendoci fuori dal mondo soffocando qualsiasi tentativo di ribellione, poichè solo interessi di clan tramandati da padre in figlio possono mantenere per anni egemonie mugelliane, emiliane, sarde, di cui gli artefici sono venerati come grandi statisti ed invece non sono altro che sfrontati personaggi blasonati viventi mettendoci all'infinito in nome del comportamento democratico le mani in tasca da cui prelevare l'ossigeno per mantenere i loro apparati mangiapane a tradimento. E oggi siamo qui di fronte all'ennesimo scandalo finanziario dove gli attori primari sono i soliti noti, cariatidi nefaste senza vergogna tramandandosi da padre in figlio l'occupazione sistematica di poltrone e che poltrone. E tutti ad invocare la morte politica del Berlusconi, unico solo baluardo contro questa banda di ladri patentati. E sentire baffino, bersanov ,l'oxfordiano, l'affabulatore mascellare barese, il casinista, l'infame, i berlinguer, i fazio dare la croce al Berlusca viene veramente voglia di prendere i forconi e farli correre sino a sfinirli ed appenderli per i piedi. Forza Berlusca siamo con te. Tieni duro, no pasaran.

Ritratto di jasper

jasper

Sab, 09/02/2013 - 14:52

E'paradossale come gli organi di stampa minimizzino lo scandalo MPS ed evitino qualsiasi accostamento al PD e a Bersani il vero responsabile della criminale gestione della banca avendo nella stessa i suoi uomini in tutti i posti chiave a partire dalla presidenza e al CdA. Questo partito agisce come una vera mafia, come una vera organizzazione criminale. A quanto pare gli Italiani non sono ben consci del pericolo che loro corrono se questo partito dalle caratteristiche criminali dovesse gestire il Paese. Lo stile sarebbe più o meno lo stesso usato nella gestione della banca.

guidode.zolt

Sab, 09/02/2013 - 15:39

Com'è che non c'è nessuna "fuga di notizie", come si usa normalmente quando c'entra il PDL...? è pericoloso abbandonare le "Tradizioni" ... appartengono alla storia di un popolo...!

guidode.zolt

Sab, 09/02/2013 - 15:45

Non essendoci "fughe di notizie", ed è comprensibile dato il coinvolgimento del PD e compagni, emerge, alla superficie della melma, l'ansia di insabbiare, arte in cui hanno sempre eccelso...! soltanto che lì sarà necessario un TIR di bianchetto...!

gedeone@libero.it

Sab, 09/02/2013 - 16:13

L'Italia, una Repubblica fondata non sul lavoro, ma sul ladrocinio. Ed allora caro Direttore, dopo lunga ed approfondita riflessione ho deciso di fare il grande salto: alle prossime elezioni voterò sinistra. Se in questo Paese per campare si deve per forza rubare, allora vivaddio voglio affidarmi ai migliori, a coloro che rubano miliardi di euro e la fanno franca. Altro che ladri di polli tipo Fiorito o consiglieri regionali laziali e lombardi, dilettanti allo sbaraglio che immancabilmente si fanno beccare con le mani nella marmellata e che telefonano in continuazione. Dopo essermi cosparso il capo di cenere ed aver fatto ammenda per essere stato elettore dell'orrendo cdx del cavaliere, mi presenterò a qualche dirigente della sx pregandolo di ammettermi a frequentare la scuola delle frattocchie o come si chiama ora. Non vedo l'ora,sempre che mi ammettano, di istruirmi alla bisogna per poi trasmettere tale erudizione ai miei figli ; sono particolarmente ansioso di apprendere ad esempio, la tecnica usata per non farsi intercettare al telefono dai magistrati anche se qualche idea bislacca invero l'avrei (che usino comunicare tra loro alla maniera indiana con segnali di fumo? Mah!). Di necessità virtù caro Direttore, mi perdoni ma si deve pur vivere.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Sab, 09/02/2013 - 16:18

Io, mi domando dove sarebbe bersani in Germania?, se la giustizia funzionerebbe in italia come in Germania! i sinistronzi che sono andati per il Mondo ad infangare Berlusconi per decenni adesso non vanno piu a fare questo tipo di "politica" All,Estero?, anche gli intellettuali sempre pronti a fare congressi come al palasharp di Milano,perche non dicono niente su questo enorme scandalo?, e le pasionarie di turno che scendevano in piazza secondo il motto "se non ora quando?" perche non scendono adesso a dimostrare contro il PDPCI?, eh ma qui non ci sono berlusconi da mettere in galera vero? é i sinistronzi da anni rincoglioniti dai loro capibastoni per i processi inventati su berlusconi; chiudono gli occhi su ogni porcheria fatta dai loro kompagni!.

CARLOBERGAMO50

Sab, 09/02/2013 - 16:36

NON SI POSSONO PRENDERE TUTTI QUESTI LOSCHI PERSONAGGI E GETTARLI IN GRANDE WATER CLOSE (CESSO) POI SCARICARE LO SCIAQONE. MA DOVE CASPITA STANNO I CONTROLLI? E' POSSIBILE CHE LO STATO CONCEDA UN PRESTITO DI QUASI 4 MILIARDI AD UN ISTITUTO BANCARIO CHE DOVEVA ESSERE MESSA IN AMMINISTRAZIONE CONTROLLATA DA OLTRE 2 ANNI. UN COMUNE MORTALE DEVE PER OTTENERE UN MUTO DEL 10% DEL VALORE DELLA CASA DEVE ESSERE IMMACOLATO. ENTRATE GARANTITE PER 4 VOLTE LA RATA DEL MUTUO E UN CONTO CORRENTE IN POSITIVO DI CIRCA 5 VOLTE LA RATA DEL MUTUO OLTRE AD IPOTECARE UN BENE 10 VOLTE SIUPERIORE A QUANTO RICHIESTO. NON POSSIAMO PARLARE DI USURA IN QUESTO CASO MA DI RAPINA A MANO ARMATA OD ESTORZIONE. MI AUGURO CHE ALMENO LA META ' DEI PERSONAGGI NOMINATI NELL' ARTIVCOLO POSSANO ESSERE OSPITATI NELLE PATRIE GALERE. MA IL NOSTRO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SI ACCORGE DI QUESTO O NICCHIA COME LA BANCA D'ITALIA.

Triatec

Sab, 09/02/2013 - 16:53

Napolitano ha chiesto di non alzare polveroni sul caso MPSiena. La stampa allineata si è messa al lavoro e cerca di sopire, rallentare, mistificare e confondere nella speranza che gli italiani non comprendano bene cosa è accaduto. Leggendo i post dei sinistri si nota che stanno ottenendo l'effetto desiderato.

Ritratto di jasper

jasper

Sab, 09/02/2013 - 18:16

E'paradossale come gli organi di stampa minimizzino lo scandalo MPS ed evitino qualsiasi accostamento al PD e a Bersani il vero responsabile della criminale gestione della banca avendo nella stessa i suoi uomini in tutti i posti chiave a partire dalla presidenza e al CdA. Questo partito agisce come una vera mafia, come una vera organizzazione criminale. A quanto pare gli Italiani non sono ben consci del pericolo che loro corrono se questo partito dalle caratteristiche criminali dovesse gestire il Paese. Lo stile sarebbe lo stesso né più né meno di quello usato nella banca. Per quanto poi concerne Monti basta pensare che questo signore è 'senior member' di Moody's, l'agenzia di rating che Obama, dopo aver denunciato Standard & Poor, vuole anche denunciare in quanto la ritiene un'organizzazione criminale. Ora ditemi voi se uno è membro, senior o non senior non ha impèortanza, di un'organizzazione ritenuta criminale dal Presidente degli Stati Uniti, come lo possiamo classificare? Tenere inoltre presente che questo bel soggettom è anche advisor della merchant bank Goldman Sachs sorella della Lehman Brothers e causa prima della spaventosa crisi economia mondiale. Volete un tizio del genere come Presidente del Consiglio? Se si allora dovete andare a farvi visitare il cranio.

Ritratto di Nopci

Nopci

Sab, 09/02/2013 - 18:58

lucioc Sab, 09/02/2013 - 12:21 Tra i nomi indicati nell'articolo manca, stranamente, Verdini. IL SENSO COMUNISTA:NOI MPS???????? E VOI? I BAMBINI DI VIA BETTOLA

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Sab, 09/02/2013 - 19:32

Nooo! I komunisti sono innocenti, non sanno nulla di banche. Non vedete che quando compaiono in TV si vede l'aureola che li santifica!!!! Loro non vedono, non sentono e non parlano, la colpa è di una sola persona "Berlusconi".

Duka

Sab, 09/02/2013 - 19:32

Mappa del potere??? Perchè adesso si chiama così ? Non si finisce mai di imparare.

#marcok@

Sab, 09/02/2013 - 21:34

Dirigenti di Banca d'Italia e CONSOB, che dovevano controllare e TUTELARCI, che hanno fatto ORECCHIE DA MERCANTA per i loro intrallazzi, e non dicano che non potevano sapere perchè non gli CREDIAMO AFFATTO, visto che sanno tutto di NOI CITTADINI. Dovrebbero RESTITUIRCI TUTTI i LORO LAUTI E IMMERITATI STIPENDI E BENEFIT, pagati da NOI RETROATTIVAMENTE come a volte fanno con noi con letasse e REDDITOMETRI.

gzn663

Sab, 09/02/2013 - 21:50

Guarda guaeda nell'affare nps sta saltando fuori che centra anche il pdl con verdini con la sua banca,ed un senatore.Poi salta fuori anche che la tassa messa dal berlusconi alle aziende energetiche che non dovevano essere scaricate sui cittadini,nonostante ne fosse a conoscenza da 5 anni,la pagavamo noi cittadini 1,6 miliardi all'anno!!! L'unico di dx che merita il voto è GIANNINO

idleproc

Sab, 09/02/2013 - 22:21

Gedeone? E' vero, in Italia i catto-stalinisti sono i migliori ad andar di gratta e a farla franca. Sono compatti e allineati e lo fanno per il bene del popolo. Se però vuol fare un vero salto di qualità deve imparare dai finanzieri anglosassoni di cui non a caso i predetti sono i tirapiedi. Quelli sì sono bravi, niente di meglio dei Goldman-Boys, e dagli anni '90 che devastano con l'aiuto dei loro uomini nelle banche centrali tutto il sistema finanziario. Si sono fottuti paesi interi, ora è il nostro turno. Se deve passare dall'altra parte, scelga il meglio...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 10/02/2013 - 01:29

La cosa più curiosa in tutta questa faccenda è la finta indifferenza dei vari capi del PD. A partire da Bersani, fino all'ultima delle pecore rosse, pare che Siena con il suo sindaco PD e una BMPS diretta dai PD non esista più. POTENZA DELLA MENTE NEOVETEROCOMUNISTA.

eglanthyne

Dom, 10/02/2013 - 08:48

Che marmaglia di merende variegata.

lucioc

Lun, 11/02/2013 - 09:00

Nopci:risposta illuminata e illuminante.