Stipendio d'oro in Poste senza firmare un atto Scoppia il caso Alfano jr

La Corte dei conti indaga sull'assunzione del fratello del ministro. M5S: Angelino dimettiti

«Uno che tende a bruciare le tappe» ha scritto di se stesso, nel suo curriculum, Alessandro Alfano, fratello minore di Angelino, politico che ha bruciato davvero le tappe (ministro della Giustizia, poi dell'Interno, ora degli Esteri). Alfano jr, con in mano una laurea triennale conseguita a 34 anni, nel 2013 è riuscito a conquistare un posto d'oro alle Poste, da dirigente, senza concorso. Trampolino per una carriera fulminante, in tre anni è passato da Direttore Business Development di PosteCom, poi Direttore Soluzioni Offerta e Post Vendita di Poste Tributi, quindi dirigente nella capogruppo Poste Italiane (attuale inquadramento come risulta dal suo profilo Linkedin), con aumenti che ne hanno fatto lievitare lo stipendio da 160mila a 200mila euro.

Una carriera veloce, forse troppo, visto che a fronte di un incarico dirigenziale ottimamente retribuito, in quattro anni Alessandro Alfano non ha firmato neppure un atto. Incongruenze che sono finite in un rapporto della Guardia di finanza, e in un'indagine della Corte dei conti sulle modalità dell'assunzione di Alfano Jr, e delle successive promozioni, alle Poste. E il fratello del ministro rischia grosso, perché se fosse accertato un danno erariale sarebbe chiamato a restituire gli stipendi incassati in questi anni.

Le anomalie riscontrate dalla Gdf sono diverse. Innanzitutto sulla chiamata di Alfano jr. Nelle carte si riporta che l'allora consigliere del Cda di Poste Antonio Mondardo «aveva manifestato la propria perplessità all'allora ad Massimo Sarmi circa le motivazioni che avevano portato all'assunzione di Alessandro Alfano, senza che il cda fosse portato a conoscenza dell'esigenza di dover ricoprire tale ruolo, e che per tale carica fosse prevista l'assunzione del citato dirigente». Il profilo di Alfano jr era stato selezionato come? A rispondere agli inquirenti è stato l'ex capo del Personale di Poste, Claudio Picucci. «Chi aveva presentato il cv di Alessandro Alfano? Ritengo (l'allora, ndr) l'ad di Poste, Sarmi», informato del fatto che non fosse un Alfano qualsiasi, ma proprio il fratello del ministro Alfano («il nome era altisonante», racconta Picucci). Sarmi, a sua volta, ha spiegato che serviva qualcuno che avesse «una buona conoscenza del territorio del Sud Italia». Peccato che poi Alfano jr sia stato assunto a Roma, non in una sede meridionale di Poste.

Ma non basta. Dalle indagini del nucleo valutario della Gdf emerge che, oltre a non esserci stato un concorso, non c'è stato neppure un colloquio prima di assumere Alessandro Alfano. Preso e assunto così, sulla fiducia. «Alessando Alfano non era neppure stato annoverato nella rosa dei primi cinque candidati individuati nel 2013 - si legge nel rapporto delle Fiamme gialle - e, neppure quando si è deciso di accantonare tali nominativi e di procedere alla ricerca del candidato con il profilo più adatto sul profilo Linkedin, inserendo le caratteristiche richieste, il suo nominativo è apparso». Quindi, visto che non si riusciva a far combaciare le caratteristiche richieste dalla posizione, con i titoli di Alfano jr, «hanno cercato direttamente sul portale Linkedin il nominativo di Alessandro Alfano, di cui è apparsa la schermata». Insomma, come se si dovesse assumere proprio lui. In attesa che la Corte dei conti concluda l'indagine, a farsi sentire per ora è solo il M5S: «Alfano, c'è Poste per te: dimettiti!» scrive il blog di Grillo.

Commenti

unosolo

Gio, 19/01/2017 - 18:03

se avessero voluto fare qualcosa di positivo dovevano intervenire subito dal giorno in cui i giornali denunciarono assunzione a chiamata diretta senza alcun concorso , il potere in mano a quarantenni tutelati e coperti sta rovinando da quattro anni la nostra Nazione , stipendi d'oro per parenti e amici legati al governo o sostenitori , chiamate dirette di mogli , fratelli e amici leopoldiani/e e via dicendo , decine e decine di sistemazioni fasulle ,, ma dai , mo uno paga ? tutti devono essere controllati ,,,,

dondomenico

Gio, 19/01/2017 - 18:14

Per essere assunto come postino devi fare un concorso; per essere assunto come dirigente (di un settore che non si capisce neanche a cosa serve) basta essere imparentato con gli inquilini delle stanze del potere!

Happy1937

Gio, 19/01/2017 - 18:22

Fratellino superpagato alle Poste, fa affari con le organizzazioni che ospitano gli immigrati!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 19/01/2017 - 18:28

Ancora un anno, o poco più, poi non sentiremo più parlare del soggetto. Vorrei capire chi lo voterà, se non dei...parassiti.

giovaneitalia

Gio, 19/01/2017 - 18:53

Ma non dovrebbe dimettersi oltre che questa faccia da cretin....anche suo fratello? Sarà la volta buona che lascia la poltrona? Staremo a vedere.

Cheyenne

Gio, 19/01/2017 - 19:07

i tue al-fanghi andrebbero deportati in manette alla cayenna.

aldoroma

Gio, 19/01/2017 - 19:12

e mio figli INVALIDO SENZA PENSIONE A SPASSO FATE SCHIFOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOo

WSINGSING

Gio, 19/01/2017 - 19:19

Una ex velina oppure una igienista dentale hanno fatto qualche concorso per essere messi in lista (dei nominati) e poi sedere in Parlamento o presso un Consiglio Regionale?

Ritratto di gian td5

gian td5

Gio, 19/01/2017 - 19:55

@ WSINGSING, no, sono state elette dal Popolo Italiano contrariamente a Renzi, Letta e Monti eletti direttamente dal Comintern.

Ritratto di gian td5

gian td5

Gio, 19/01/2017 - 19:55

@ WSINGSING, no, sono state elette dal Popolo Italiano contrariamente a Renzi, Letta e Monti eletti direttamente dal Cominterm.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 19/01/2017 - 20:04

Speriamo che non gli diano anche la scorta!

Tipperary

Gio, 19/01/2017 - 20:05

Bisogna ammettere che ha la faccia da c...come qualcun altro.

Una-mattina-mi-...

Gio, 19/01/2017 - 22:42

SCANDALO INACCETTABILE-DIMISSIONI E RIMBORSO

hectorre

Gio, 19/01/2017 - 23:00

WSINGSING......collega il cervello prima di scrivere fesserie...GRAZIE!!!!!

hectorre

Gio, 19/01/2017 - 23:09

che schifo!!!!....abbiamo fior di laureati a spasso e questo 34enne fresco di laurea....un genio!!!!!..... si ritrova con una poltrona e uno stipendio da top manager senza averne i requisiti.....in un paese normale sarebbero in galera lui e chi lo ha assunto....ma il buon angelino ha venduto la sua dignità alla sinistra e non succederà nulla!!!!!.....povera italietta!!!!!!!

Bisekur1960

Gio, 19/01/2017 - 23:15

WSINGSING 19,19 .. ma sua mamma quante patate ha mangiato per fare un gnocco come lei !!..?? Ma chi cavolo difende ? Alfano junior ??

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 19/01/2017 - 23:46

la mafia insegna- basta copiare bene e si risolvono i problemi personalei ed e conomici, il mare e´profondo e la lupara bianca e´anonima

TonyGiampy

Gio, 19/01/2017 - 23:58

Ci ho lavorato per 30 anni assunto nel lontano 1982.Alle Poste e' sempre stato cosi'.Se non c'e' chi ti raccomanda anche se vali rimani sempre al palo.Strano che ce ne accorgiamo solo dopo 30 anni.Me ne sono andato per disperazione perche' non ce la facevo piu' a vedere tutto il marcio che c'era dentro.Poi ultimamente,da quando sono state create queste societa' fantasma si e' veramente toccato il fondo.Da quando sono andato via sono rinato!!!Questo personaggio dovrebbe essere licenziato ma sappiamo tutti chi c'e' dietro di lui!!

cangurino

Ven, 20/01/2017 - 05:06

dovesse anche restituire centinaia di migliaia di euro, non sarebbe certo un problema. Coi miliardi che gli amici del fratello han fatto coi cara, non sono nemmeno gli interessi di un giorno ... Mi chiedo, ma Berlusconi non aveva capito che razza di delfino aveva nominato?

leopard73

Ven, 20/01/2017 - 08:05

LA NOSTRA POLITICA DI CORROTTI COSì GIRA IN ITALIA. CIALTRONI.

Ernestinho

Ven, 20/01/2017 - 08:06

Ma perché accanirsi contro questi poveretti? Essi sono "privilegiati" non comuni mortali!

effecal

Ven, 20/01/2017 - 09:00

ha una faccia così intelligente che è una risorsa per le poste

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 20/01/2017 - 09:02

braviii !!! la corte dei conti(i ragionieri) devono indagare in una fogna dove sono stati commessi reati , oltre che amministrativi anche penali ? il fratellino senior serve ancora al partito dei giudici ; vero ?

Lotus49

Ven, 20/01/2017 - 09:11

Basta con questi commenti livorosi e invidiosi! Quando c'è un giovane brillante che fa carriera in Italia, tutti a dargli contro. Invece dovremmo essere orgogliosi che il nostro Paese abbia saputo valorizzarlo e che non ci sia stato strappato dalla Deutsche Poste o dalla Royal Mail.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 20/01/2017 - 09:12

wsingsing (la ;ti metterei te e quelli come te) voi altri comunistoidi , dimenticate che la prima velina , antelitteram, fu la donna del tuo capo storico , che fu candidata in una roccaforte del p.c.i. (esattamente come le veline di oggi , fu nominata)ma è ovvio che a te e quelli come te "l'unità" disse che era una partigiana e che andava votata e voi altri la votaste , tieni conto che non esiste nessuna nefandezza che i comunisti non l'hanno attuata per prtimi .

Lotus49

Ven, 20/01/2017 - 09:16

Sono anni che vado dicendo al mio capo che la nostra azienda ha bisogno di un "Direttore Soluzioni Offerta". Lui niente, non capisce.

fedsam

Ven, 20/01/2017 - 23:53

Questa e' solo una conferma del principale motivo perche' 1,5 milioni di italiani schifati hanno abbandonato l'Italia. Quanto dobbiamo aspettare prima che Poletti, Alfano & Co. vengano spediti su un isola dell'oceano ?? Dobbiamo fare la rivoluzione in stile sud-americano? Non ci sono mezzi civili per sbarazzarsi di queste piattole??