Uomo accoltella passanti a Monaco, polizia intesifica controlli con elicotteri e agenti armati
Catalogna, Rajoy: "Applicheremo articolo 155"
Referendum autonomia, Alfano: favorevole ma senza scherzetti su unità nazionale
Def, Boccia: "Date le risorse non c'erano grandi aspettative, è in linea con le riforme fatte"
Renzi: "Ai cittadini non interessa quel che succede nel PD"
Salvini "chef" a Host prepara un piatto etnico

Così hanno preso il foreign fighter

Le indagini dei poliziotti della Digos di Cosenza e dell’Antiterrorismo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, nei confronti del marocchino arrestato, sono iniziate a luglio del 2015. L’arrestato, il 10 luglio del 2015, aveva raggiunto la Turchia ma è stato fatto rientrare in Italia dopo che le autorità Turche, d’intesa con gli uomini dell’Antiterrorismo Italiano, ne avevano evidenziato la pericolosità respingendolo per motivi di “sicurezza pubblica”

Viaggio nel tempo

Annunci