Crollo Palazzo Ponte Milivio, condomino grida in assemblea e accusa assessore di dire il falso
Processo Schettino al termine. Il legale: pena richiesta fuori da ogni logica
Ponte Stretto, Armani (Anas): noi siamo pronti
Crolla viadotto in Brasile
Le prime immagini dopo il crollo del ponte ad Annone di Brianza (Lecco)
Maltempo, nubifragio a Lecco e a Como

Ecco il momento in cui ha ceduto il cavalcavia sulla Milano-Lecco

Il drammatico video diffuso dall'Anas del momento del crollo del ponte. La macchina che passava sotto rimane schiacciata dalle macerie, mentre il camion da ben 108 tonnellate che passava sopra precipita nel vuoto. La portata del camion era superiore a quella ordinaria e non era stata autorizzata dall'Anas. Il giorno dopo il drammatico crollo del cavalcavia lungo la statale Milano-Lecco, all'altezza di Annone Brianza, costato la vita al 68enne di Civate, Claudio Bertini, interviene l’Anas, la società che gestisce la rete stradale ed autostradale italiana. E accusa duramente la Provincia di Lecco. La procura di Lecco ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo e disastro colposo. Con una nota diffusa sabato mattina, l’Anas ha sottolineato di aver chiesto la chiusura del tratto di strada in cui si trovava il ponte nelle ore precedenti al crollo, ma la Provincia avrebbe chiesto un’ordinanza formale da parte dell’ente. Nel frattempo il ponte ha ceduto.

Commenti
Ritratto di Leon2015

Leon2015

Sab, 29/10/2016 - 14:08

province....buracazia allo stato puro. é necessario eliminare queste pastoie, che non sono solo inutili ma sopratutto dannose.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 29/10/2016 - 14:23

Non si sa quale sia il PARASSITA PUBBLICO responsabile ma è certo che è uno di questi il responsabile. Non hanno alcuna coscienza, non fanno niente. Non sanno costruire sanno solo parassitare, scaricare responsabilità. TOTALMENTE SENZA COSCIENZA.

antipifferaio

Sab, 29/10/2016 - 14:23

Ma la giunzione delle travi era stata riparata??? Mi sembra di vedere un rappezzo di calcestruzzo e comunque c'è una netta separazione delle travi senza che la parte centrale di attraversamento appoggi su un pilastro. Insomma la parte centrale era solo incastrata sulla trave precedente e siccessiva?... Non so' se il progetto era questo o è stato eseguito a casaccio dall'impesa...ma in ogni caso dovrebbro mandare in galera il progettista e l'impresa che ha eseguito i lavori.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 29/10/2016 - 14:30

Anche un bambino di 3 anni vede dalle immagini che quel ponte sta per crollare. Siamo allo sbando ormai.

blackbird

Sab, 29/10/2016 - 17:51

@ antipifferaio: Trattasi di struttura Gerber. Una soluzione delle più usate negli attraversamenti stradali. La trave centrale appoggia sui due tronconi laterali. Per evitare sollecitazioni agli appoggi si possono iunterporre cuscinetti in neoprene. Tutti i ponti sono appoggiati, su cuscinetti o addirittura su rulli scorrevoli. Per renderli antismici, vengono ancorati con catene lasche al pilone di sostegno, così in caso di terremoto forte e fuoriuscita dagli appoggi, la trave non cade al di sotto. Ma fare ponti e curare tumori sono cose da specialisti, ogni altro commento è superfluo e inutile.

blackbird

Sab, 29/10/2016 - 18:05

108 tonnellate? Senza scorta? Senza lampeggianti? Con soli 3 assi sul trattore? La massa massima ammessa in Italia è di 44 tonnellate. Quindi qui saremmo a 2 volte e mezza la massa ammissibile e non vedo alcun rimorchio speciale e nessuna scorta. Qualcuno ha scitto inesattezze, nessun ponte avrebbe retto. Il carico militare, veicolo isolato, procedente a velocità ridotta si aggira sulle 40, 60 tonnellate. Il camion avrebbe dovuto pesere oltre il doppio di un Leopard! Forse le tonellate erano solo 18, carico normale per quel tipo di veicolo.

Annunci