Politica
Mes, Borghi (Lega) a Conte: "Mandato era di non firmare, lei e' un traditore"
Cronache
Stupra bimba di 3 anni, nigeriano incastrato dal test del Dna: dopo la pena sarà espulso
Cronache
Romeno tenta di rubare un'auto della polizia, poi manda in ospedale due agenti
Corto circuito causato dalle luci dell'albero di Natale: anziano muore nell'incendio
Botte al carabiniere durante lo sgombero: marocchino gli frattura il polso
Mes, Fdi contro M5s in Aula: "Clown!"

Fermate 7 persone a Bari per estorsione vicine al clan Strisciuglio

La Polizia di Stato di Bari ha eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 7 soggetti gravemente indiziati, a vario titolo, di tentata estorsione aggravata, porto e detenzione illegale di armi da fuoco. Il settimo indagato, inizialmente irreperibile, è stato bloccato ieri mattina nell’aeroporto di Bari-Palese al rientro dalla località turistica di Sharm el-Sheikh.
Sono tutti ritenuti componenti di un gruppo criminale con base operativa nel quartiere Libertà, contiguo al clan “Strisciuglio”, al cui interno le attività investigative hanno evidenziato il ruolo egemone del figlio di un attuale detenuto e “storico” esponente apicale del predetto clan.
Le indagini, supportate da attività tecniche, sono state avviate dai poliziotti della Squadra Mobile nel novembre scorso, a seguito dell’incendio dei locali di una ditta di onoranze funebri del quartiere Libertà.
E' stato documentato in particolare che la richiesta estorsiva - manifestata nei giorni precedenti all’incendio attraverso una esplicita pretesa di denaro e con minacce dirette - non è stata evasa, motivo alla base del grave atto ritorsivo.
Il gruppo criminale, la sera del 24 dicembre scorso, si è reso inoltre responsabile di una vera e propria “stesa”, esplodendo numerosissimi colpi d’arma da fuoco, in aria e all’indirizzo di una saracinesca di un circolo ricreativo del quartiere Libertà; il numero dei colpi e la loro rapida successione fanno ritenere che tale gesto non sia stato altro che la manifestazione della potenza criminale del gruppo, della capacità di intimidazione nei confronti della collettività e di controllo del territorio di loro pertinenza (appunto il quartiere Libertà di Bari).
La pericolosità del capo dell’organizzazione criminale è emersa ancor di più nelle ore immediatamente precedenti il fermo, quando lo stesso si è attivato per reperire un fucile kalashnikov in pochi giorni, da utilizzare verosimilmente per ben più gravi azioni criminali.
Nel corso dell’esecuzione dei provvedimenti cautelari sono state eseguite numerose perquisizioni che hanno consentito di rinvenire e sequestrare due pistole, 50 munizioni di vario calibro, un giubbotto antiproiettile, 300 grammi di eroina e 22 grammi tra hashish e marijuana.
Il Gip di Bari ha applicato a tutti gli indagati la custodia cautelare in carcere. / fonte Polizia di Stato