Si cala pantaloni, molesta 18enne poi aggredisce agenti: fermato pakistano
Buttato a terra e pestato in mezzo alla strada da stranieri: 25enne finisce in ospedale
Concorsi truccati nel Vesuviano, in carcere anche sindaco
Viaggia senza biglietto sul tram. Sorpresa, spruzza il proprio latte contro il controllore
Pugni all'agente. Poi il nigeriano tenta di rubargli la pistola
Un video per trovare i peluche smarriti

Gli inquirenti: "Capacità militari acquisite sul web"

“Grazie anche alle attività della Digos e della polizia postale, abbiamo riscontrato che ci sono due soggetti che aderiscono allo Stato islamico, che seguono pedissequamente le indicazioni che vengono date attraverso internet, acquisendo capacità militari e calandole nella realtà del territorio dove si opera. Sono importanti e dovranno essere oggetto di riflessione anche per noi le loro considerazioni”. Così Lamberto Giannini, direttore dell'Ufficio anti-terrorismo, in merito all'arresto, avvenuto questa mattina a Brescia, di due persone accusate di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico. Le indagini condotte dagli uomini della Digos e del servizio polizia postale hanno permesso di accertare che gli indagati, sostenitori dell'organizzazione terroristica Is, svolgevano attività di istigazione pubblica in rete - a cura di LaPresse