Amatrice, bloccato un presunto sciacallo
La folla lincia il pedofilo
Monaco, uomo spara dal tetto del parcheggio del centro commerciale
Tapiro per Buffon: "Sto ancora con Alena"
Preso l'assassino di Yara: svolta nelle indagini
Così si allenano i terroristi: la prova al processo per attentati metro Londra

Messico. Linciaggio brutale al presunto stupratore

Nuevo Laredo, Tamaulipas. Orrore senza fine in Messico, dove è sufficente gridare allo stupro perchè la folla decida di farsi giustizia da sé. Niente giudici o tribunali, solo un mucchio di invasati assetati di sangue. Il presunto pedofilo, accusato per strada di aver rapito e violentato una bimba di quattro anni, è stato massacrato a suon di calci. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, l'uomo avrebbe approfittato della distrazione della madre, proprietaria di un chiringuito, per portar via la bimba in bicicletta. È subito scattata la caccia all'uomo che si è conclusa con il ritrovamento e l'immediata punizione del presunto colpevole. Portato in ospedale l'uomo è morto dopo sei ore di agonia a causa delle percosse

Annunci