Economia
Manovra, oggi la risposta del governo all'Ue
Mondo
Turchia: "Completato ritiro dei curdi dal confine"
Cronache
Falso in bilancio e manipolazione mercato: blitz contro società bolognese
Violenta la figlia da quando aveva solo 7 anni, padre-orco condannato in terzo grado
Nigeriano aggredisce agenti sul bus: "Siete razzisti, vi ammazzo", pronta l'espulsione
Il luminol, i cani molecolari, il Bpa: così il Ris ricostruisce l'omicidio di Angela Stefani

Strage in Colorado, ora Holmes rischia la pena di morte

James Holmes è stato dichiarato colpevole dell'omicidio di 12 persone e del ferimento di altre 70 nella strage nel cinema Aurora in Colorado, avvenuta il 20 luglio 2012. Con questa sentenza si apre la possibilità che il 27enne sia condannato alla pena di morte, prevista in Colorado, oppure all'ergastolo. Alla lettura del verdetto, Holmes è rimasto impassibile, in piedi con le mani i tasca, questa volta senza i capelli tinti di arancione con cui comparve per la prima volta al processo. La strage avvenne in un cinema della cittadina vicina a Denver, quando Holmes irruppe durante la prima del film di Batman. Si identificò come il Joker, il nemico di Batman, quando sparò contro il pubblico. Il difensore, Daniel King, ha parlato del 27enne come di una persona malata di schizofrenia, pertanto incapace di distinguere tra il bene e il male. La sparatoria scatenò il dibattito sul controllo e la vendita delle armi da fuoco nel Paese, spingendo il Colorado ad approvare una delle leggi più severe in proposito negli Usa - a cura di LaPresse