Mondo
Terremoto in Albania, il cornicione abbattuto sulle auto in sosta
Politica
Avanti ragazzi di Budapest. Così Atreju accoglie Orban
Cronache
"Stai calma, respira": l'operatore del 118 "ostetrico" al telefono
Non vuole il padre a casa, 30enne sequestra familiari e minaccia di bruciare l'abitazione
Conducenti aggrediti sul tram a poche ore di distanza da ubriachi: denuncia del sindacato
Botte fra richiedenti asilo incinte, i vicini di casa chiamano le forze dell'ordine

Venezuela sull'orlo della guerra civile

Tensione altissima in Venezuela. Il giovane Juan Guaidó, leader dell'Assemblea nazionale, si è autoproclamato presidente "pro tempore" del Paese lanciando ufficialmente la sua sfida a Nicola Maduro, insediatosi due settimane fa per un secondo mandato presidenziale, ma che l'opposizione e diversi Paesi considerano illegittimo per via di un risultato elettorale mai riconosciuto. Il primo a riconoscere Guaidò è stato il presidente Usa, Donald Trump subito seguito da Canada, Brasile Colombia e molti altri. Immediata la reazione di Maduro che ha annunciato la fine delle relazioni diplomatiche con Washington dando 72ore ai diplomatici Usa per lasciare il Venezuela. Nel Frattempo In migliaia sono scesi in piazza per partecipare alle proteste pro e contro Maduro.

Calendario eventi