Cronache
Bastonate contro genitori che difendono la figlia: solo denuncia per gambiano
Cronache
Vipiteno, le violenze dei krampus
Cronache
Le sardine in piazza contro Salvini tra odio e slogan violenti
Il Governo scricchiola e Salvini pensa alla Nutella
Prima della Scala, 5 minuti di applausi per Mattarella
Un contestatore urla "Buffone". E Salvini: "Ti voglio bene fratello"

Whirlpool Napoli, approvazione unanime del consiglio all'impegno della Regione Campania

Rilancio del sito produttivo Whirlpool. Il consiglio regionale della Campania, in seduta monotematica ha approvato, all’unanimità, l’ordine del giorno che traccia l’indirizzo per il rilancio dello stabilimento di via Argine. Pronti 20 mln dall’ente di Palazzo Santa Lucia. All’azienda la richiesta di preservare i 400 posti di lavoro.

Ultimo dato in ordine cronologico, la risultanza dell'incontro tra le parti al Mise, con la revoca della procedura di cessione del ramo d'azienda, ed il conseguente stop ai licenziamenti.

400 I lavoratori a rischio solo a Napoli, con preoccupazione estesa all'irpinia, preoccupazioni non scongiurata dall'annuncio di fine ottobre del Ministro Patuanelli, non una svolta allo stato dei fatti, ma un concretizzarsi del problema rimandato, con nuova scadenza fissata al marzo 2020.

Dibattito aperto in consiglio regionale, dall'ente di palazzo Santa Lucia pronti 20mln per provare a trattenere l'azienda, tra le strade da battere l'impiego delle risorse previste per Patto per la Campania e Zes

“abbiamo sposato la battaglia dei 420 lavoratori di Whirlpool perché senza lavoro non c’è dignità, non c’è sicurezza, non c’è famiglia, e la Regione è fattivamente intervenuta, con venti milioni di risorse pubbliche, per difendere lo stabilimento produttivo di Napoli” – il commento del Presidente della Commissione Lavoro Nicola Marrazzo.