Viaggiano su scooter rubato e aggrediscono militari e agenti: presi stranieri
Aggredisce volontari della mensa e prende a pugni poliziotto: preso nigeriano
Le immagini della rapina sull'asse Melito-Scampia
Bambino di 8 anni muore di difterite: è allarme in Grecia
Ferisce due militari: già espulso, il clandestino pregiudicato finisce al Cpr
Violenta rissa fra stranieri in strada, panico fra i passanti rimasti coinvolti

L'audio choc di Paolo Borsellino: "Scortato la mattina, libero di essere ucciso la sera"

Nel corso della seduta dell'8 maggio 1984, Paolo Borsellino fu audito dalla Commissione parlamentare antimafia (IX legislatura) nella sua qualità di giudice istruttore a Palermo. Alla data dell'audizione, il dottor Borsellino svolgeva le funzioni di giudice istruttore a Palermo già da nove anni ed era pienamente operativo il cosiddetto "pool antimafia", istituito dal Consigliere Rocco Chinnici (ucciso il 29 luglio 1983). Il momento storico era particolarmente delicato: Tommaso Buscetta era stato da poco arrestato in Brasile (ottobre 1983), ma ancora non era stato estradato; inoltre, dopo gli omicidi, tra gli altri, del dirigente della Squadra Mobile di Palermo Boris Giuliano (21 luglio 1979) e del Consigliere Chinnici, il problema della sicurezza e della protezione dei magistrati e degli operatori della Polizia giudiziaria era drammaticamente avvertito. Non a caso, nell'audizione oggetto di pubblicazione il dottor Borsellino affronta anche il tema della sicurezza personale e della gestione dei dispositivi di scorta, evidenziando al riguardo alcune importanti criticità.