"Con la Libia accordo per ridurre i flussi migratori"
Isis, al-Hasi: "L'Ue non ci invia armi per combattere"
"De Luca ha il diritto e dovere di governare"
Renzi propone un ruolo per gli italiani in Libia
Renzi ad Assisi: "Non molliamo, ci chiamiamo Italia"
Delrio: Pd, Renzi ha fatto più di una telefonata

"Sui migranti i numeri dicono che non c'è emergenza"

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ad Hannover, in Germania. Il premier ha parlato a margiene dell'incontro con la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente Usa Barack Obama, il presidente francese François Hollande e il primo ministro britannico David Cameron. "Sulla Libia - ha detto Renzi - c'è una disponibilità rilevante da parte della comunità internazionale e questo è un cambio. C'è il pieno sostegno allo sforzo del governo di Serraj. Dobbiamo fare di tutto perché abbia successo". I leader del G5, ha continuato, hanno dato piena disponibilità a sostenere lo sforzo del governo Sarraj e "tutte le iniziative" della comunità internazionale "dovranno essere richieste dal governo". I pozzi petroliferi sui quali il governo libico ha chiesto aiuto per la protezione "non sono i pozzi dell'Eni. La richiesta riguarda altre strutture", ma l'Italia, ha concluso Renzi, è comunque "sensibile" a eventuali richieste del governo di Tripoli

Annunci