Roma
Global compact, Di Stefano (Casapound): ”Vogliamo parole chiare da Salvini”
Politica
Salvini e Al Bano al Viminale parlano di De André e Gabri Ponte
Politica
Manovra, Moscovici: “Seguiamo da vicino situazione Italia, dialogo approfondito”
Manovra, Conte: “Abbiamo lavorato con determinazione per evitare infrazione”
Editoria, Fico: ”Rivedere i finanziamenti”
Manovra, Conte: “Con Ue negoziato senza mai arretrare su obiettivi”

Bidoni mangiaplastica installati nei porti italiani

Negli ultimi mesi sono sempre più numerose le città nel moondo (e ora anche in Italia) che hanno deciso di installare nei propri porti i cosiddetti bidoni mangiaplastica Seabin. Il seabin è un semplicissimo sistema di pulizia meccanica il quale, posizionato sotto il pelo dell'acqua, grazie ad una pompa aspirante crea un dislivello che cattura tutti gli oggetti galleggianti. Il dispositivo opera senza sosta 24/7 ed è in grado di catturare microplastiche da 2 millimetri di diametro, microfibre da 0,3 millimetri ma anche oli, carburanti, detersivi e tutto ciò che galleggia. Il prezzo di ogni bidone è di 3.825 dollari (istallazione inclusa) ed è in grado di imprigionare più di 500 kg di rifiuti all'anno. Il progetto, assolutamente rivoluzionario, è stato lanciato da lanciato dai surfisti australiani Pete Ceglinski e Andrew Turton che al momento stanno ancora raccogliendo fondi per migliorare e rilanciare la propria idea, col fine di ripulire gli oceani del mondo dalla plastica

Commenti

timoty martin

Gio, 20/09/2018 - 09:11

Bravissimi, speriamo vengano installati ovunque. Meglio ancora se i cittadini potessero diventare più rispettosi dell'ambiente, del mare