Con 500mila opuscoli il senatore fa la guerra ai falsi made in Italy

Pragmatica leghista: i cinesi ci fanno la guerra commerciale, copiando i nostri prodotti, forti del loro numero? E allora noi controbattiamo con un altro numero, altrettanto colossale. Questa la logica alla base del nuovo numero di Lega Nord flash, il foglio di informazione del Carroccio, diretto dal senatore Mario Pittoni e stampato, per l’occasione, in 500mila copie. Mezzo milione di copie - distribuito in tutte le sedi regionali e provinciali del Carroccio - per il numero, cofirmato dal ministro alla Semplificazione Roberto Calderoli, che rilancia la battaglia per porre un freno ai «prodotti realizzati chissà dove, ma spacciati per nostrani». La soluzione per la Lega è nell’etichetta obbligatoria: «Va imposta - spiega nell’opuscolo Pittoni - la tracciabilità dell’articolo che, per potersi fregiare del “made in Italy”, dovrà documentare di essere stato davvero lavorato da noi».