Alcol I giovani bevono già di pomeriggio Il comune dichiara guerra all’happy hour

«A Milano si beve troppo e troppo presto - tuona l’assessore Giampaolo Landi di Chiavenna -. Non solo per l’età visto che una ricerca ha evidenziato come il 60% dei ragazzini si avvicini all’alcol prima dei tredici anni. Ma anche per l’orario, si comincia a bere cocktail già alle sette di sera. Voglio proporre happy hour analcolici o con un basso tasso alcolico». Il comune ha lanciato una campagna di sensibilizzazione stampando cinquemila manifesti con l’appello: «Non sei tu che abusi dell’alcol. È lui che abusa di te». Inoltre il mercato milanese è stato invaso da bottiglie di alcolici contraffatte provenienti dai paesi dell’Est. «In base ai controlli che abbiamo fatto fino a questo momento - denuncia Landi di Chiavenna - abbiamo stabilito che nel 25% dei locali di Milano e provincia ci sono bottiglie contraffatte che fra confezionamento e trasporto costano solo 50 centesimi l’una».