Alemanno dà ai gay un osservatorio ma nega il patrocinio

Un’apertura a metà: ieri a Gianni Alemanno ha incontrato in Campidoglio le organizzazioni del mondo omosessuale capitolino e ha espresso una serie di concetti-chiave. Continuerà a non dare il patrocinio al Gay Pride e a dire no alle coppie di fatto, ma finanzierà la costituzione di un osservatorio sulle intolleranze sessuali. Inoltre appoggerà la legge che considera l’intolleranza un’aggravante in caso di reato. D’accordo con la questura piazzerà più telecamere e più pattuglie intorno al Village ed entro un anno troverà una sistemazione stabile per la manifestazione dell’estate romana.

Commenti