Alemanno sfratta i militanti di Casa Pound

La legalità va perseguita indistintamente, senza badare al colore politico di chi la viola. È il principio affermato da Gianni Alemanno, che approva senza riserve lo sgombero di uno stabile occupato da alcuni attivisti di Casa Pound.
«Credo che questa sia la strada intrapresa dalla prefettura per riportare la legalità a tutto l’universo delle occupazioni indistintamente», ha commentato il sindaco di Roma dopo lo sgombero di un centro sportivo occupato da alcuni attivisti di Casa Pound a Grottaferrata. Il primo cittadino ha tenuto a sottolineare che «come si è operato al Regina Elena, era giusto operare a Grottaferrata e a via Salaria. Noi - ha aggiunto - dobbiamo ripristinare il principio di legalità. E questo principio ci porta a rimuovere quelle occupazioni che non è possibile riportare in una logica di legalità». Dai centri sociali agli attivisti di destra.

Commenti

Grazie per il tuo commento