All’Europa non serve la stretta di Obama

Sull’andamento del mercato tuttavia incidono «variabili che rendono particolarmente difficile avanzare delle stime», ha spiegato il presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, sottolineando che molto dipenderà «dall’evoluzione del mercato del credito e del lavoro e anche dell’inflazione». Per il 2009, Confedilizia ha riscontrato un calo medio dei prezzi rispetto al 2008 compreso fra il 5 e il 15%, a seconda delle città e delle diverse aree geografiche, e una flessione media delle compravendite nella misura del 13%. Il rilancio del mercato atteso per quest’anno - si legge nel rapporto - partirà dalle grandi città per poi estendersi nei centri minori. Le transazioni per il 2010 dovrebbero attestarsi su una cifra vicina alle 600mila unità.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.