Alloggi popolari anche per i politici

Lo stabile di via Magolfa non è l’unico dove un esperimento di edilizia convenzionata è andato ad accontentare, invece di «categorie deboli», personaggi difficilmente inquadrabili nella fascia dei bisognosi. Un insediamento al 103 di via Savona, (realizzato anche qui da una cooperativa, legata alle Acli) ha visto mettere in vendita a prezzo ultrafavorevole, circa 2300 euro al metro, una parte degli appartamenti costruiti.
A fare l’affare anche il figlio dell’ex ministro Claudio Scajola, il portavoce del ministro Gelmini, Massimo Zennaro, il consigliere comunale di Rifondazione Davide Tinelli.
Lo stabile è sorto su una ex area industriale (era la vecchia fabbrica delle lampadine Osram) grazie ad una convenzione tra coop Acli e Comune che prevedeva la destinazione di 4500 metri quadri a fasce disagiate.

Commenti