Gli anarchici vogliono un altro Fragalà

Da un certo punto di vista essere considerati nemici da eliminare da parte di chi piega a proprio uso uno degli omicidi più tragici del passato recentissimo, può essere visto come un vanto. Gianni Plinio, candidato Pdl al consiglio regionale ligure, ha denunciato ieri alla questura di Genova gli ignoti autori di una scritta, comparsa su una saracinesca dei portici di corso Gastaldi: «Plinio come Fragalà». A firma della scritta, la «A» cerchiata simbolo dell’anarchia. «Spero che la polizia individui gli autori della scritta criminale - ha detto Plinio -. È necessario impedire che il clima della campagna elettorale degeneri fino a questo punto. Un conto è la contestazione politica di un avversario, altra cosa è auspicare che venga vigliaccamente massacrato come recentemente accaduto a Palermo all’avvocato Enzo Fragalà, autorevole esponente del Pdl».

Commenti