Archeologia, scoperte a Gubbio sette tombe romane

Le sepolture, che risalirebbero al primo secolo
dopo Cristo, sono state trovate a meno di un
metro sotto il piano stradale durante la
ripavimentazione di una via. Fra i reperti anche
un piatto giudicato importante dagli esperti

A Gubbio, nel corso della ripavimentazione di una via del quartiere di S. Martino, sono emerse alla profondità di 70-80 centimetri, alcune tombe con copertura alla cappuccina di epoca romana risalenti al primo secolo dopo Cristo. Una di queste è stata totalmente scoperta e conserva uno scheletro di donna alta 175 centimetri, ben conservato, oltre ad alcuni oggetti appartenenti al corredo funebre tra cui un piatto da mensa il cui valore archeologico, a detta degli esperti che lo hanno potuto osservare, sembra rilevante. Altre sei tombe sono evidenti e verranno scoperte nei prossimi giorni. I tecnici della sovrintendenza dicono che la scoperta delle tombe è importante per contribuire a definire il perimetro urbanistico della città di Gubbio dato che quest'area, essendo destinata alle sepolture, non era abitata.

Commenti