Per gli artigiani è un’altra tassa

«Il ticket rischia di tramutarsi in una nuova tassa». L’Unione Artigiani della provincia è sul piede di guerra. «Gli imprenditori dell’autotrasporto, dell’edilizia, della manutenzione e installazione d’impianti, delle autoriparazioni, che spesso svolgono pure servizi urgenti o addirittura d’emergenza, operano necessariamente con mezzi propri - sottolinea l’Unione -. Non possono certo usufruire dei trasporti pubblici». Per queste categorie «il veicolo privato è assolutamente indispensabile e non si può pensare che siano costretti a sostenere i costi di un continuo rinnovo dei loro mezzi per tenere il passo delle soluzioni tecnologiche meno inquinanti». Per gli artigiani «sono necessarie deroghe o agevolazioni o una fascia di esenzione per l'ingresso mattutino e la ripartenza serale».

Commenti