Assessore comunista rinviato a giudizio si dimette dalla giunta

Fresca frasca di riconferma elettorale, la giunta di Ancona vive momenti difficili per le dimissioni cui è stato costretto un assessore di Rifondazione comunista della squadra del sindaco pd Fiorello Gramellini. Con una lettera indirizzata al primo cittadino di Ancona, il neoassessore ai Servizi sociali ed educativi, Maurizio Belligoni, ha rassegnato ieri le proprie dimissioni. Belligoni, rappresentante di Rifondazione comunista nella giunta di centrosinistra, era stato indagato dalla procura in qualità di direttore dell’Agenzia regionale della Sanità (Ars), che lo accusa, insieme a un funzionario, di aver ritoccato un bando di gara. Nella lettera al sindaco di Ancona, Fiorello Gramillano, l’esponente della giunta conferma che «è stata depositata una richiesta di rinvio a giudizio nei suoi confronti, nei giorni scorsi, presso il giudice per le indagini preliminari».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti