Atr, recuperata l’altra scatola nera

È stata recuperata ieri anche la seconda scatola nera dell’Atr 72 della Tuninter ammarato lo scorso 6 agosto al largo di Palermo. I due dispositivi, che contengono le conversazioni fra i piloti, i dati tecnici e i rumori della cabina dell'aereo registrati pochi minuti prima del disastro, sono stati ritrovati a quasi 1500 metri di profondità, e sono stati spediti a Roma all’Agenzia nazionale per la sicurezza in volo, dove verranno esaminati. Sono stati ripescati anche i resti di un secondo disperso, mentre il terzo corpo ancora mancante dalla lista iniziale dei passeggeri è stato individuato nel relitto. Intanto l’inchiesta procede: il pm Marzia Sabella, titolare dell'inchiesta, ha iscritto ieri nel registro degli indagati anche Alì Kebaier, copilota dell'aereo, accusato di disastro plurimo colposo e omicidio colposo.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.