Belgrado Gay pride annullato per le minacce dei nazionalisti

Il Gay Pride in programma per oggi a Belgrado, un evento fortemente osteggiato da estremisti di destra e ultranazionalisti, è stato annullato dagli organizzatori, che hanno respinto la proposta delle autorità di tenere il raduno per ragioni di sicurezza non nel centro della capitale, ma in una zona verde più periferica. Negli ultimi giorni la tensione era salita notevolmente e le autorità serbe avevano a più riprese messo in guardia dai rischi di violenze, scontri e incidenti. Ad aumentare i timori è stata senza dubbio la selvaggia aggressione di giovedì scorso che una trentina di hooligan del Partizan hanno messo in atto in pieno centro di Belgrado ai danni di tifosi francesi del Tolosa, al seguito della squadra per la prima partita di Europa League. Un giovane francese è rimasto gravemente ferito, ieri è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico e i medici lottano ancora per salvargli la vita.

Commenti

Grazie per il tuo commento