Blitz anti-evasione Al setaccio i conti bancari di 1200 toscani

Sono attualmente in corso, sul territorio regionale, una serie di controlli nei confronti di oltre 1.200 cittadini toscani che, pur risultando residenti in Paesi a fiscalità privilegiata (in almeno uno degli anni dal 2006 al 2008), sembrano invece avere mantenuto in Italia il centro dei propri interessi familiari ed economici. Lo rende noto l’Agenzia delle Entrate della Toscana. Nei loro confronti saranno ora svolte ulteriori attività istruttorie che permetteranno di accertare i reali fenomeni di evasione fiscale. Le attività di controllo, è stato spiegato, realizzate con il coinvolgimento anche dei Comuni, mirano, da un lato, a contrastare i comportamenti evasivi ed elusivi messi in atto dai contribuenti attraverso fittizie residenze all’estero e, dall’altro, a favorire il recupero delle imposte evase e il conseguente «rientro»ò in Italia di quei soggetti per i quali sarà stata accertata la simulazione dell’espatrio.

Commenti