Blitz a Bagdad di Rice e Rumsfeld Sostegno a Maliki

da Bagdad

«Coupe de théâtre» degli Stati Uniti nel sostegno al nascente governo iracheno: i due massimi esponenti di politica estera dell’amministrazione Bush, Condoleezza Rice e Donald H. Rumsfeld, sono arrivati a Bagdad per una visita a sorpresa. Nella capitale, il segretario di Stato e quello alla Difesa di Washington hanno incontrato diversi leader locali tra i quali Jawad al Maliki, il politico sciita designato sabato primo ministro. L’ufficio di quest’ultimo ha annunciato che il futuro capo dell’esecutivo ha scelto di chiamarsi con il nome di battesimo, Nouri: aveva cambiato nome sotto Saddam per evitare persecuzioni. «Vado via molto incoraggiato», ha dichiarato Rumsfeld dopo l’incontro con al Maliki. Positivo anche il commento della Rice: «L’ho trovato molto concentrato. È piuttosto chiaro che capisce il suo ruolo e il ruolo del governo di dimostrare realmente di essere un esecutivo di unità nazionale».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.