Bravata La polizia scova l’esame su internet

Una bravata fatta con estrema leggerezza e totale superficialità che potrà costare cara ad un gruppo di studenti dell’istituto professionale alberghiero «Marco Polo» nel levante genovese. Un episodio che costa caro a due classi intere, in attesa che si identifichino quelli che sono i veri responsabili della vicenda e che rischia di far saltare le vacanze ad almeno una quarantina di studenti che devono sostenere l’esame del terzo anno.
Esame che slitterà in seguito all’intervento della polizia postale che, dopo una denuncia (sembra anonima) ha rintracciato le prove d’esame che alcuni alunni avevano pubblicato su Facebook e passato ai compagni attraverso un altro canale interattivo di internet: il sistema di Msn Messenger che permette di scambiare messaggi, musica e altri documenti tra computer in tempo reale.
La bravata ha avuto inizio qualche giorno fa quando alcuni studenti sono entrati di nascosto nella sala professori dell’istituto, sono riusciti (...)

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti