La cantina dei misteri

Accadde un anno fa, sempre in Lombardia. Un altro macabro delitto, consumatosi tra le mura domestiche. Era il 19 luglio 2004 quando Maria Arena, 77 anni, fu trovata senza vita nella cantina della sua casa a Milano. Il corpo era stato fatto a pezzi, rinvenuti in avanzato stato di decomposizione all’interno di cinque sacchetti della spazzatura. Unico indizio l’odore acre che proveniva dai seminterrati del condominio. Gli altri condomini avevano avvertito le forze dell'ordine, che avevano poi scoperto il cadavere. Il giorno dopo finì in manette il cinquantanovenne Boris Zubine, figlio della donna, uscito dal carcere l’anno prima dopo 17 anni passati in cella per omicidio. Zubine, che ha sempre negato ogni responsabilità, sarà processato il 22 novembre prossimo davanti ai giudici della I Corte d'Assise di Milano. In quella sede risponderà ai giudici anche Marinella Russo, fidanzata di Zubine, considerata complice dell'uomo e accusata di favoreggiamento.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.