Carate Urio Imprenditore ucciso si consegna un ex dipendente

Gli inquirenti ormai hanno ben pochi dubbi: Antonio Dubini, l’imprenditore comasco di 67 anni ucciso a coltellate due settimane fa sul cancello di casa a Carate Urio, sarebbe stato assassinato proprio da un suo ex dipendente con problemi psichiatrici (A.T., 44 anni) che sabato si è presentato in ospedale confessando di essere l’omicida. Il suo racconto ha ancora molti aspetti da chiarire, ma alla fine è risultato fondato, tanto che ha consentito ai carabinieri di recuperare il coltello, arma del delitto.

Commenti

Grazie per il tuo commento