Carcare Con la calamita pescavano euro nelle «slot»

Vivevano facendo di mestiere il pescatore, ma non di pesci, bensì di monete, che accalappiavano servendosi di una calamita. Due fratelli di origini baresi ma residenti a Genova, nullafacenti, già con precedenti di polizia, sono così stati arrestati in flagranza di reato nella notte tra sabato e domenica dai carabinieri di Carcare. I due uomini, di 35 e 39 anni, vivevano alla grande grazie al loro ingegno: infatti, grazie ad un dispositivo artigianale e piuttosto rustico ma molto efficace, composto da un’asticella di ferro con una calamita, hanno portato a segno diversi furti in varie zone della Liguria e del Piemonte asportando da slot machine e macchine simili, di volta in volta, somme anche di ottocento euro.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti