Carlo boccia l’auto ma lui ne guida sei

Carlo d’Inghilterra invita i sudditi ad andare a piedi. Si potrebbe essere d’accordo sull’uso dei marciapiedi e dei parchi inglesi per evitare l’inquinamento acustico e atmosferico, il numero di automobili è in costante aumento, le strade sono sempre quelle, street ma larghe, però, come hanno perfidamente scritto quelli del Daily Telegraph, il principe Carlo ha un garage fornito come un salone di esposizione: due Jaguar, due Audi, una Range Rover e poi il suo balocco preferito, un’Aston Martin DB6 che sua madre, Elisabetta, gli donò al compimento di anni ventuno.