La Carlucci nell’arena del «Caso Silvius»

Quella versione non s’aveva da fare. Il deputato Pdl Gabriella Carlucci incassa l’approvazione del ministero dell’Istruzione sul «caso Silvius», la versione di latino assegnata nel novembre scorso in un liceo scientifico di Trani che trattava le vicende giudiziarie del premier Berlusconi. Il testo, intitolato «Silvius Berlusconi apud iudices vocabitur», ovvero Silvio Berlusconi sarà chiamato davanti ai giudici, «si presta - ha riconosciuto il ministero - a strumentali interpretazioni politiche e giudizi di valore di merito inaccettabili in sede didattica». All’epoca dello scandalo, la Carlucci aveva annunciato una interrogazione al ministero. «E il ministero - ha sottolineato la parlamentare - ha anche sollevato forti perplessità sul metodo seguito dall’insegnante di non attingere per le prove di traduzione a testi classici originali». La versione infatti era stata pescata su internet.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.