Il caso Il passato pesa sui conti Acea e il titolo cede il 5%

Con uno «schiaffo» del 5,43%, la Borsa ha dato un giudizio pesantemente negativo ai conti del 2009 di Acea approvati l’altra sera dal cda. L’utility controllata dal Comune di Roma ha registrato una perdita netta di 52,5 milioni di euro, in deciso peggioramento rispetto all’utile di oltre 186 milioni dell’anno precedente. Non sarà distribuito dividendo. La perdita è dovuta alla moratoria fiscale e ai maggiori accantonamenti che riguardano la precedente gestione. Il fisco, in particolare, ha pesato per 78,9 milioni di euro. Particolarmente negativa l’attività di Acea Electrabel, la joint venture con i francesi di Gdf, che ha registrato un calo di redditività di 24,7 milioni. Con Gaz de France è in corso uno spinoso braccio di ferro su temi di governance che potrà portare a un arbitrato internazionale.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.