Ceramiche Ricchetti La scomparsa dell’imprenditore Oscar Zannoni

È morto ieri Oscar Zannoni, presidente, ad e azionista di riferimento del gruppo Ceramiche Ricchetti. Attraverso le finanziarie di famiglia Zannoni era anche socio, con lo 0,30%, del patto di sindacato di Mediobanca. Zannoni è deceduto per un malore improvviso. L’imprenditore era nato nel 1942 a San Polo d’Enza (Reggio Emilia) e guidava una holding industriale attiva nella produzione e commercializzazione di ceramica per pavimento e rivestimento per esterni e interni. Prima società del settore ad avere scelto la strada della quotazione in Borsa nel 1996, per dimensioni Ceramiche Ricchetti è ai primi posti in Italia e nel mondo. Il gruppo ha 11 stabilimenti produttivi (4 in Italia, nel distretto ceramico di Sassuolo, e 7 in Europa), occupa circa 1.900 dipendenti e ha una capacità produttiva annua di circa 27 milioni di metri quadri di piastrelle. La Borsa, interrogandosi sulla successione, ha impresso al titolo un rialzo del 7,7%.

Commenti

Grazie per il tuo commento