Il clarinettista Louis Sclavis «rilegge» il mito di Ulisse

Questa sera all’Auditorium Parco della musica si chiude la manifestazione intitolata «Una striscia di terra feconda», con il concerto del clarinettista francese Louis Sclavis. Con Lost on the way, nuovo lavoro pubblicato per l’etichetta ECM, Sclavis paragona il suo viaggio al lungo peregrinare di Ulisse prima di tornare a casa: «Il nuovo progetto è nato dal desiderio di continuare il lavoro iniziato con il precedente quintetto e inventare nuove musiche per suonare e per perdersi. Trovare per caso frammenti di ricordi, tirar fuori nuove idee, scoprendo, come Ulisse, nuove paure e nuovi piaceri sul cammino».