Clima, la Nato avverte l'Italia: "Rischi per la desertificazione"

Cosa succederà se la desertificazione del Nordafrica avrà una accelerazione? La Nato lancia l'allarme: "Ci sarà una migrazione di massa alla ricerca di terreni fertili e l’Italia sarà in prima linea"

Clima, la Nato avverte l'Italia: 
"Rischi per la desertificazione"

New York - Cosa succederà se la desertificazione del Nordafrica avrà una accelerazione? Ci sarà una migrazione di massa alla ricerca di terreni fertili e l’Italia "sarà in prima linea". Lo afferma Alexandrios Papaioannou, intervenuto a nome della Nato, ad un convegno al Senato su clima e sicurezza, organizzato dal vicepresidente del Copasir Giuseppe Esposito.

I rischi per l'Italia Papaioannou definisce la guerra nel Darfur come "la prima guerra climatica" ed ipotizza altri scenari: "Nel Medio Oriente il conflitto fra arabi ed israeliani non sarà per Gerusalemme, ma per l’accesso all’acqua. Il lago sotterraneo che fornisce l’acqua a Gaza potrebbe diventare presto un lago salato, a causa dell’innalzamento del Mediterraneo". Altro scenario degli studi Nato riguarda il Nilo. "Decine di milioni di egiziani - dice Papaioannou - vivono grazie alle acque del Nilo. Cosa succederà se Uganda, Etiopia e Sudan cominceranno a prendere più acqua? L’Egitto andrebbe sicuramente in guerra". Il relatore ha anche ammesso che la Nato è ancora organizzata in funzione della minaccia sovietica "che non c’è più. Siamo quasi inesistenti per quanto riguarda la capacità di gestire crisi umanitarie. Dobbiamo aumentare la nostra capacità di protezione civile. Mi dispiace - conclude Papaioannou - che il rapporto sul futuro della Nato da qui al 2020 dedichi solo 5 righe ai cambiamenti climatici".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti