Per colpa dei cantieri cala l’incasso: risarciti gli artigiani

Ora tocca agli artigiani che si sono visti per troppo tempo le proprie vetrine oscurate da ponteggi, l’ingresso nei loro locali ostacolati dalle transenne dei cantieri. Dopo la boccata di ossigeno dell’anno scorso per i negozianti, il Comune con l’aiuto della Regione ha deciso di sostenere i vecchi mestieri che stanno faticando ad andare avanti. Mettendo a disposizione di artigiani che hanno bottega su un cantiere aperto un milione di euro. Venerdì la giunta di Palazzo Marino ha votato la delibera per accettare formalmente il cofinanziamento del Pirellone. L’assessorato al Commercio di Domenico Zambetti assegna 350mila euro che insieme ai 700mila euro aggiunti dall’amministrazione permetterà di indire entro un mese un bando da un milione e 50mila euro. Massima attenzione alle attività su piazza XXV Aprile, che devono subire grossi disagi per il cantiere senza fine dei silos.
Nella mappa delle botteghe da salvare anche quelle di viale Zara, piazzale Lagosta, viale Fulvio Testi, quelle che si affacciano su piazza Piemonte, piazza Novelli, via Bernini, via Correggio e via Ampère. Esclusi a differenza dell’anno scorso, gli artigiani di largo V Alpini e di via Benedetto Marcello.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento