Confindustria Morandini: «Cauto ottimismo, ma tutti facciano la loro parte»

«Guardo al dibattito sulla fine della crisi con lucido ottimismo». Lo ha detto il presidente Piccola Industria e numero due di Confindustria Giuseppe Morandini, secondo cui «le imprese hanno davanti la sfida delle aggregazioni, unica polizza sul futuro di molte pmi». Tutti - prosegue - devono fare la loro parte: le banche, «con le quali dobbiamo proseguire sulla strada del confronto e delle soluzioni operative»; il sindacato, che «deve rioccupare il suo posto a tavola, sedersi e dialogare, perché abbiamo il dovere di salvare il maggior numero possibile di posti di lavoro» e lo Stato che deve «dare certezze a chi fa impresa sconfiggendo i due nemici storici della piccola impresa: il fisco e la burocrazia».

Commenti

Grazie per il tuo commento