Credieuronord: frena la fusione

L'operazione di fusione tra la Credieuronord e Reti Bancarie Holding, società controllata dalla Banca Popolare Italiana, non si è ancora completata, perché la seconda fase del progetto di integrazione tra l'istituto di credito voluto dalla Lega Nord e la banca del gruppo guidato fino a poche settimane fa da Gianpiero Fiorani non è avvenuta per ragioni di natura legale finanziaria. A ricostruire la vicenda è il settimanale News nel numero in edicola oggi. Come hanno confermato anche dal quartiere generale della Bpi la fusione per incorporazione non c'è stata, per la presenza nel protocollo di un cavillo: la fusione si farà solo nel caso in cui si verifichino le condizioni di stabilità patrimoniale della Euronord che, essendo nata l'1 gennaio 2005, non presenta per il momento conti ufficiali.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.