I risultati choc dell'autopsia: "Pamela Mastropietro senza il 20% di pelle"

Si rafforza la pista dell'omicidio sul caso di Pamela Mastropietro. I dettagli dell'autopsia lasciano ipotizzare che sia anche stata strangolata

I risultati choc dell'autopsia: "Pamela Mastropietro senza il 20% di pelle"

Le indagini sull'omicidio di Pamela Mastropietro proseguono. Gli inquirenti investigano un altro nigeriano che stava fuggendo in Svizzera con Awelima, uno dei presunti complici di Innocent Oseghale. Dopo gli esiti dell'autopsia si smorza la tesi dell'overdose come causa della morte.

I dettagli choc

L'esame autoptico - il secondo, effettuato da dottor Cingolani su nomina della procura - ha nuove e scioccanti dettagli. Ma in primis pare rafforzare la tesi dell'omicidio. Come spiega il gip, i risultati "inducono a ritenere superate le iniziali incertezze sulle cause della morte (omicidio o overdose), facendo propendere recisamente per l' ipotesi omicidiaria". La ragazza è stata trovata con la lingua "pinzata tra i denti", elemento che sosterrebbe "una sofferta asfissia per soffocamento". Elemento che unito al fatto che non sono stati rinvenuti i tessuti del collo - ipoteticamente rimossi per nascondere i segni di strangolamento - spalanche le porte all'accusa di omicidio. Nel decesso però avrebbe avuto un ruolo determinate le coltellate inferte "quando la giovane era ancora a cuore battente".

Nell'ordinanza riporta da Il Tempo si legge: "È emersa la presenza su un' ampia parte di cute di superficiali ferite da taglio parallele, ferite - si legge nell' ordinanza - che il dottor Tombolini (primo medico legale, ndr) ha ritenuto inferte in vita, quasi a voler infliggere sofferenze alla vittima, mentre il dottor Cingolani (il secondo nominata dalla Procura, ndr) ha ritenuto effettuate post mortem verosimilmente in relazione alle pratiche si sezionamento del cadavere". Non solo: Il fatto che "siano stati asportati 'ampi tratti di cute in zona vaginale e anali' che rafforzerebbe l' ipotesi suggestiva circa la volontà di celare un pregresso atto sessuale, cui si riconduce anche il rinvenimento di tracce di saliva su un capezzolo".

Un altro africano

Secondo quanto costruito dagli inquirenti Awelima, catturato e detenuto con Desmond Lucky, aveva organizzato la sua fuga dall' Hotel Recina di Montecassiano, struttura che ospta migranti per la onlus Acsim. Come riporta Il Tempo, nell'ordinanza di convalida del fermo si legge: "Così manifestando la propria volontà di abbandonare definitivamente il luogo dove viveva da oltre un anno". Insieme alla moglie si reca a Milano pronto a prendere un treno per la Svizzera. E con loro anche un altro africano: Djera. Awelima però viene arrestato al Burger King della stazione Centrale del capoluogo lombardo, prima di incontrare il conoscente a cui aveva riferito: "Per il prezzo (del biglietto, ndr) e tutto non preoccupatevi, ci penso io. Non so da quale binario parta il treno domattina. Quindi ti aspetto per comprare il biglietto". Djera chiede in che città andranno: "Chiasso".

Commenti

Grazie per il tuo commento