Lecce, trovati pregiudicati scomparsi: i corpi erano in una cisterna

I due erano spariti dal 10 marzo. In manette per duplice omicidio e occultamento di cadavere tre persone

Luca Greco, 38 anni, e Massimiliano Marino, 35 anni, entrambi pregiudicati, erano scomparsi il 10 marzo scorso. Ora, grazie all'arresto di tre persone, i carabinieri di Lecce hanno potuto scoprire che si è trattato di omicidio e che i corpi dei due sono stati nascosti una cisterna nelle campagne di Campi Salentina.

I due sarebbero stati uccisi per vendicare pesanti avances che sarebbero state fatte da Greco alla moglie di uno degli arrestati, accusati ora, a vario titolo, di omicidio, favoreggiamento personale e occultamento e distruzione di cadavere. Si tratti di Mino Perrino, di 38 anni, di Campi Salentina, Franz Occhineri, di 34 anni, e Luigi Tasco di 45 anni, entrambi di San Pietro Vernotico (Brindisi). Tutti avevano precedenti penali. Secondo la ricostruzione degli investigatori, Perrino nel pomeriggio del 10 marzo con un pretesto si sarebbe fatto accompagnare da Greco e Marino, suoi conoscenti, in un fondo agricolo, dove ha ucciso entrambi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.