«Mein Kampf» col «Giornale», ecco perché

La scelta di allegare il «Mein Kampf» alla collana di opere sul nazismo in edicola da sabato con «il Giornale» (otto volumi a 11,90 euro più il prezzo del quotidiano) fa discutere. Ma il libro-manifesto della follia xenofoba e antisemita di Adolf Hitler è un documento fondamentale per capire l'orrore della Seconda guerra mondiale e della Shoah. Il politologo Giorgio Galli, esperto dei legami tra nazismo ed esoterismo, spiega le origini del libro più maledetto della storia: «Hitler fu l'ultimo teorico della guerra tra razze. Questo libro non ha nulla di proibito e vietarlo lo ha reso solo più interessante».

I diritti letterari del «Mein Kampf», detenuti dalla Baviera, sono scaduti recentemente. «Il Giornale» ha deciso di distribuirlo in omaggio con il primo volume della collana, «Hitler e il Terzo Reich. Ascesa e trionfo», firmato da William Shirer. Il «Mein Kampf» sarà curato in edizione critica dallo storico Francesco Perfetti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Ven, 10/06/2016 - 17:38

Chissà che finalmente qualcuno lo legga e lo capisca al di là delle demonizzazioni dei soliti noti.