Viterbo, si getta da un ponte: temeva di perdere il lavoro

Il settore della ceramica locale è in crisi da tempo. Il suicida, cassintegrato, era convinto che non sarebbe tornato a lavorare

Era ormai sicuro di avere perso il suo lavoro. Un cassintegrato della provincia di Viterbo si è gettato oggi da ponte Clementino a Civita Castellana, uccidendosi.

L'uomo, impiegato nel settore della ceramica, si è suicidato, pensando di avere ormai perso il suo lavoro. I sindacati proprio in questi giorni sono in trattativa con le aziende del luogo, che da tempo stanno subendo gli effetti di una grossa crisi.

"Si sono sommate alcune situazioni personali ed altre che sta attraversando questa città", ha detto il sindaco Gianluca Angelelli, scioccato dalla notizia del suicidio. Due aziende su tre che si occupano di ceramiche sul territorio - in totale sono una settantina - stanno subendo la crisi. Oltre 50 hanno avviati contratti di solidarietà, mobilità e cassintegrazione. I lavoratori coinvolti sono oltre duemila.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento