FAMIGLIA E GUERRIGLIAPancho Villa iniziò la carriera difendendo sua sorella

Tra i vari banditi che «assaltano» èStoria di quest'anno c'è Pancho Villa (1878-1923). A raccontare l'epopea del rivoluzionario messicano, l'esperto di storia militare Alejandro de Quesada, Alain Knight (professore di Storia dell'America latina all'Università di Oxford) e il giornalista Stefano Malatesta. Gli inizi di Villa furono lontani da ogni ideologia La sua leggenda iniziò nel 1894. Sedicenne, lavorava nell'hacienda di Gogojito. Il proprietario tentò di molestare sua sorella maggiore. Villa gli sparò, ferendolo leggermente. L'episodio segnò lui l'inizio di un lungo periodo di latitanza. Simpatizzando con i peones con i quali aveva in comune un odio profondo verso i ricchi possidenti terrieri, da quel momento la sua esistenza fu caratterizzata da scorrerie ai danni degli allevatori e rapine a ricchi minatori.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento