lo spillo Celant e il gusto di guardare indietro

Siamo in piena retromania. E come Gus Van Sant ha rifatto lo Psycho di Alfred Hitchock, così Germano Celant ha riproposto tale e quale per la Fondazione Prada la memorabile mostra When Attitudes Become Form con cui Harald Szeeman aprì nel 1969 una nuova sensibilità verso la curatela dell'arte contemporanea. Si plaude al lavoro filologico, che recupera le opere di quasi tutti gli artisti presenti nella mostra originale di Berna (tra questi Eva Hesse, Bruce Nauman, Daniel Buren e Walter De Maria) ma non si può non constatare, ancora una volta, come l'arte del terzo millennio risulti sempre più ancorata al bisogno spasmodico di passato.

Caricamento...

Commenti

Caricamento...
Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento