lo spilloL'editore poco elettronico

Il mercato è in crisi, al Salone del libro di Torino non si fa altro che parlare di ebook, digitale, social network, internet, forum, blog, ereader, condivisione, copyright. Grande delusione per il libro elettronico che dalle nostre parti stenta a decollare. Gian Arturo Ferrari, capo del Centro del libro, usa questa immagine: «inutile tappare il buco della diga con un dito», prima o poi cambierà tutto. Poi arriva la relazione dell'Associazione Editori Italiani sul rapporto tra case editrici e social network in cui c'è scritto nero su bianco che il 90% degli editori presi in esame dalla ricerca non pubblica più di 5 tweet al giorno. La rivoluzione può attendere.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento